IN CATENA

Sevel, ancora straordinari obbligatori e niente ferie natalizie

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

496

Alla Sevel di Atessa oltre 300 giovani

ATESSA. L’azienda continuerà nella richiesta di straordinario obbligatorio per aumentare i turni di fabbrica e per non perdere ritmi e introiti la catena di montaggio non si fermerà nemmeno tra Natale e Capodanno e per questo anche le ferie degli operai potrebbero saltare o essere ridimensionate.

In occasione di un incontro sindacale, tenutosi ieri pomeriggio, la Sevel ha comunicato la volontà di procedere verso ulteriori giornate di straordinario obbligatorio.

E’ stato ufficializzato il calendario degli straordinari di dicembre: sabato 10 dicembre, domenica 11 dicembre, domenica 18 dicembre (per il recupero della fermata tecnica del 19 luglio).

Inoltre, è stato comunicato che nel periodo che va da Natale a Capodanno non ci saranno ferie.

La Fiom esprime un giudizio «assolutamente negativo»  rispetto al piano sopra descritto.

«I sacrifici che i lavoratori della Sevel stanno producendo non possono essere illimitati», dice Davide Labrozzi della Fiom, «nel corso di questi ultimi anni le persone hanno dato tanto ed a loro non può essere chiesto di andare oltre ogni limite. Pause ridotte, carichi di lavoro aumentati, straordinari continui, di sabato e di domenica, salario ridotto ed abolizione di tante postazioni cosiddette a basso carico lavorativo».

La Fiom chiede a Sevel di aprire urgentemente un confronto per discutere piani alternativi (per quanto concerne il mese di dicembre) e per ridisegnare le strategie del 2016 in funzione di un anno, quello che verrà, ancora più impegnativo.

E se non dovessero esserci aperture per la gestione delle attività sul mese di dicembre e per quanto riguarda la possibilità di pianificare una normale gestione del lavoro per il 2017, il sindacato «valuterà la possibilità di ricorrere ad iniziative di lotta».