CASA

Spoltore, assegnazione di contributi a favore degli inquilini

La domanda va presentata entro il 5 agosto

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1499

Spoltore, assegnazione di contributi a favore degli inquilini





SPOLTORE. Sul sito Internet del Comune di Spoltore è stato pubblicato un avviso per l’assegnazione di contributi a favore di conduttori di immobili ad uso abitativo, quale sostegno per il pagamento dei canoni di locazione registrati per l’anno 2013.
La domanda va presentata entro il 5 agosto 2014. «Per l’ammissione sono previsti determinati requisiti - spiega l’assessore alla Politica della Casa Enio Rosini. L’Ente provvederà alla liquidazione del contributo in un’unica soluzione, successivamente alla ripartizione dei versamenti da parte della Regione Abruzzo tra i Comuni, sulla base delle richieste presentate e della disponibilità finanziaria».
«È un intervento mirato che risponde alle esigenze della collettività, prevedendo un valido sostegno per chi accede alle abitazione in affitto», sottolinea il sindaco Luciano Di Lorito.
Nello specifico, la domanda per ottenere i contributi può essere effettuata da chi possiede i seguenti requisiti: cittadinanza italiana o di Stato dell’Unione Europea. Gli immigrati devono avere il certificato
storico di residenza da almeno 10 anni nel territorio nazionale e da cinque nella Regione; i cittadini comunitari sono ammessi se in regola con il diritto a soggiornare nel territorio nazionale e gli extracomunitari devono essere muniti di permesso o carta di soggiorno e devono essere iscritti nelle liste di collocamento o esercitare una regolare attività di lavoro subordinato o autonomo. È necessario essere residenti nel Comune di Spoltore, quale conduttore in locazione di alloggio non a canone sociale; avere un contratto di affitto, valido per il 2013, per l’alloggio sito in Spoltore, stipulato per abitazione principale, non avente natura transitoria e debitamente registrato. Nel caso di separazione legale, la domanda potrà essere presentata dal
coniuge con diritto all’abitazione coniugale. Bisogna avere la residenza anagrafica nell’alloggio per il periodo interessato al contributo e un reddito annuo complessivo non superiore al limite per l’accesso agli
alloggi di edilizia residenziale pubblica e quindi di 15.853,63 euro (fascia B) o di 12.506,00 (fascia A). Tali limiti sono innalzati del 25% in presenza di nuclei famigliari che includono soggetti disabili con
invalidità riconosciuta dalle competenti commissioni Asl.

L’entità del contributo è determinata in rapporto all’incidenza del canone annuo 2013 sul reddito complessivo relativo al 2012. Nel dettaglio, per i nuclei appartenenti alla fascia A (e quindi con reddito annuo complessivo non superiore a 12.506,00 euro) si eroga fino a un massimo di 3.098,74 euro all’anno, mentre per i nuclei della fascia B fino a un massimo di 2.324,05 euro. Va obbligatoriamente presentata la dichiarazione dei redditi relativa alla data del 31 dicembre 2012.