IL FATTO

Manoppello, appalto da 3 milioni per la provinciale 539: 8 offerte, tutte escluse

Gli uffici della Provincia devono ricominciare dall’inizio

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1328

PROVINCIA DI PESCARA

La Provincia di Pescara




PESCARA. Gara deserta per i lavori (per tre milioni di euro) relativi alla strada provinciale della 539 che, quindi, non sono stati aggiudicati.
Lo annuncia, con un certo rammarico, il vice presidente del Consiglio provinciale, Andrea Di Meo, spiegando nel dettaglio come sono andate le cose e sottolinea l'importanza del nuovo tracciato da realizzare a Manoppello (verso la direttrice di Serramonacesca), che va dal chilometro 3 al chilometro 4 + 200. Si tratta di un secondo lotto mentre il primo, realizzato dall'Anas, va dalla Tiburtina Valeria al bivio di Manoppello (importo 4 milioni di euro).
Di Meo, che si è sempre interessato di quest'opera, ha seguito l'iter sin dal primo lotto e ha fatto finanziare il secondo lotto preoccupandosi costantemente della realizzazione, fa notare che la Provincia, ente proprietario della strada e stazione appaltante, ha indetto le procedure di gara nei tempi previsti dal cronoprogramma e già annunciati in passato. Da informazioni assunte presso gli uffici dell'ente, «sono pervenuti otto progetti di cui cinque sono stati esclusi per mancanza di alcune dichiarazioni previste dal bando. I tre restanti, invece, non sono risultati rispondenti al progetto posto a base di gara e quindi la commissione si è trovata nella impossibilità di decretare l'aggiudicazione dell'opera. Ora gli uffici stanno già provvedendo ad attivare le procedure finalizzate a riappaltare l'intervento a stretto giro, in maniera tale da avviare concretamente il cantiere entro la fine dell'estate. Sarebbe stato molto importante avviare quanto prima i lavori», commenta Di Meo, «e va dato atto agli uffici della Provincia di aver rispettato la tabella di marcia prefissata. Questo intoppo, che non dipende assolutamente dal nostro operato ma dall'iter di gara e purtroppo comporterà un leggero slittamento nei tempi, ci costringerà ad avviare nuovamente l’iter per l’aggiudicazione. Ci tengo a sottolineare che l’apertura del cantiere non significa solo dare il via all'intervento, ritenuto strategico per la zona, ma anche creare occupazione e aiutare l'economia. Sarà mia cura», conclude Di Meo, «continuare ad aggiornare costantemente i cittadini sull'operato della Provincia, come ho fatto fino ad oggi, nel segno della trasparenza».