RIFIUTI

Discarica Montevecchio - Fosso delle ghiande: Fara Filiorum Petri insorge

Il sindaco: «risposte chiare da parte della politica»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3115

Domenico Bucciarelli

Domenico Bucciarelli







FARA FILIORUM PETRI. «Dalla politica vogliamo risposte».
É la richiesta del sindaco, Domenico Bucciarelli, che si oppone insieme ai suoi cittadini e alla popolazione della zona contro il rilascio dell’autorizzazione alla costruzione di una vasta discarica nel Comune di Casacanditella, ma a confine con Fara Filiorum Petri e a poche centinaia di metri dall’agglomerato urbano.
«Tale intervento potrebbe ravvisare un grave danno ambientale e di immagine al Comune di Fara Filiorum Petri e della intera Valle del Foro, la strada che a poche centinaia di metri congiunge il mare al bacino sciistico della Maielletta».
«Dalla semplice visione del progetto tecnico», continua Bucciarelli, «si rileva come non si tratti di semplice discarica di rifiuti solidi urbani, ma la raccolta di fanghi per un milione di metri cubi (anche industriali) con possibile contaminazioni dei terreni e di falde acquifere nella malaugurata ipotesi di sversamento (ipotesi plausibile alla luce della precaria posizione geografica del sito».
Il primo cittadino chiede che la politica e i candidati alle prossime elezioni regionali dichiarino la loro contrarietà a questo tipo di politica ambientale e si dichiarino contro il rilascio dell’autorizzazione.
«Quello che mi preoccupa maggiormente», spiega Bucciarelli, «è la presenza di fanghi con conseguente possibile presenza di micro polveri che con l’azione dei venti diventerebbero sicuramente dannose per la salute dei cittadini».
Da alcuni giorni oltre alla politica, il sindaco ha inviato materiale e richieste di aiuto a tutte le maggiori associazioni ambientalistiche in Abruzzo e a diversi sindaci dei Comuni limitrofi sensibili al problema, chiedendo aiuto e solidarietà.
Il Comitato Antidiscarica creato dallo stesso Bucciarelli ad oggi conta già 150 aderenti e nei prossimi giorni organizzerà una raccolta di firme da portare in Regione ed evidenziare la contrarietà della popolazione della Valle del Foro, per lo più ancora ignara di quanto sta accadendo. Infatti, mai nulla è stato inviato o spiegato alla popolazione e ai Comuni.
L’altra sera durante la manifestazione a Villamagna dei candidati alle primarie del centrosinistra D’Alfonso, Mascitelli e Caramanico è stato stampato a cura del Comitato Antidiscarica uno striscione poi allungato lungo la stessa strada Val di Foro e davanti al luogo dell’incontro per manifestare la contrarietà alla discarica lungo la strada che congiunge l’Adriatico alla Maiella.