L’Aquila, Evasione fiscale: Gdf sequestra beni per 100 mila euro ad imprenditore

L’uomo aveva simulato la vendita di una casa alla moglie per sottrarli alla confisca

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2251

L’Aquila, Evasione fiscale: Gdf sequestra beni per 100 mila euro ad imprenditore




L’AQUILA. Aveva utilizzato fatture per operazioni inesistenti per abbattere il reddito della sua impresa e, una volta scoperto, ha cercato di sottrarsi alla procedura esecutiva, vendendo simulatamente un appartamento ed un terreno alla moglie.
L. M., romano di 50 anni, amministratore di una società di capitali con sede nel capoluogo abruzzese che opera nel settore della installazione di impianti idraulici e di condizionamento, era consapevole che le Fiamme Gialle aquilane, dopo una verifica fiscale alla sua azienda, avrebbero ancora bussato alla sua porta chiedendogli la restituzione di oltre centomila euro sottratti al fisco.
L’azienda, a seguito di un’attività ispettiva condotta dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria di L’Aquila, è risultata aver utilizzato fatture per operazioni inesistenti che gli hanno consentito di evadere, per le annualità 2011 e 2012, complessivamente, quasi 110.000 euro di imposte tra Ires ed Iva.
Per questo motivo, il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di L’Aquila, Romano Gargarella, su richiesta della Procura della Repubblica, aveva disposto il sequestro preventivo degli immobili di proprietà dell’amministratore nonché dei beni mobili allo stesso riconducibili, in vista della successiva confisca nella forma per equivalente e fino alla concorrenza dell’importo delle imposte evase.

LA FINTA VENDITA
L’amministratore della società, però, ha pensato bene di vendere alla moglie l’appartamento, in cui vivevano insieme, ed un terreno adiacente, cercando così di cautelarsi rispetto alla procedura esecutiva. Le ulteriori indagini svolte dai finanzieri, coordinate dal procuratore Fausto Cardella e dal pubblico ministero Simonetta Ciccarelli, hanno rivelato l’arcano: la moglie dell’imprenditore, di fronte al notaio, aveva presentato, come mezzi di pagamento, assegni scoperti, tratti da un suo conto corrente.
Gli assegni, emessi per alcune decine di migliaia di euro, chiaramente, non sono mai stati incassati dal marito. Da qui l’accusa per entrambi di sottrazione fraudolenta al pagamento della imposte e l’emissione di un ulteriore decreto di urgenza di sequestro preventivo degli immobili simulatamente venduti.
Le Fiamme Gialle di L’Aquila hanno così complessivamente sequestrato beni immobili, conti correnti, quote societarie e autoveicoli per 106.139,71 euro corrispondente all’importo delle imposte evase dalla società di capitali.