FONDI PUBBLICI

Solidarietà e Cooperazione internazionale, Comune Pescara stanzia 26 mila euro per associazioni

Fino al prossimo 30 dicembre sarà possibile inviare le proposte

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

858

Solidarietà e Cooperazione internazionale, Comune Pescara stanzia 26 mila euro per associazioni

Mascia in Kenia




PESCARA. Parte a Pescara il nuovo bando per accedere ai fondi dell’Istituzione della Solidarietà e della Cooperazione Internazionale.
Sino al prossimo 30 dicembre ciascuna Associazione potrà presentare la propria proposta tesa a sviluppare almeno uno degli otto punti indicati dalle Nazioni Unite come Obiettivi del Millennio, tra cui eliminare la fame e la povertà, ridurre la mortalità infantile o combattere malattie come l’Aids. A individuare i progetti da finanziare, ciascuno sino a un massimo di 10mila euro, sarà una Commissione ad hoc, sino all’occorrenza del fondo, pari a 26mila 150 euro.
«Nonostante i tagli operati da Regione e Stato, tagli sempre più pesanti negli ultimi anni, la nostra amministrazione comunale – ha detto il sindaco Albore Mascia - non ha voluto rinunciare all’erogazione dei fondi per la cooperazione internazionale, un tesoretto oggi pari a 26mila150 euro, che ogni anno ci permette di partecipare alla realizzazione di scuole, pozzi, orfanotrofi, ospedali o ambulatori medici nei paesi più poveri, più emarginati, spesso afflitti da anni di guerre civili, che lasciano eserciti di bambini privi di genitori salvati da un triste destino solo grazie all’intervento di istituti religiosi missionari o delle Ong».

Per partecipare al bando le associazioni Onlus e Ong dovranno essere costituite da almeno un anno, dovranno avere sede legale nella provincia di Pescara, aver operato nell’ambito della solidarietà e della cooperazione internazionale con riferimento ai paesi in via di sviluppo, devono poter garantire una quota di autofinanziamento non inferiore al 10 per cento del costo totale del progetto e presentare un solo progetto. L’intervento dovrà ottemperare ad almeno uno degli otto punti indicati nella Campagna delle Nazioni Unite per gli Obiettivi del Millennio, ossia eliminare la fame e la povertà, assicurare l’istruzione primaria a tutti i bambini, promuovere la parità tra uomini e donne, ridurre la mortalità infantile, migliorare la salute delle gestanti, combattere l’Aids, la malaria e le altre malattie, migliorare la qualità della vita e il rispetto dell’ambiente e lavorare insieme per lo sviluppo umano. Il progetto presentato dovrà allegare una relazione illustrativa con tutte le informazioni dettagliate delle iniziative che si intendono realizzare, il cronoprogramma degli interventi e l’eventuale presenza di altre forme di contribuzione. Ogni associazione potrà ricevere sino a un massimo di 10mila euro e i progetti. L’erogazione dei contributi avverrà per il 50 per cento a seguito dell’approvazione del progetto e il 50 per cento dopo la realizzazione dello stesso. I destinatari dei fondi del precedente bando sono stati Associazione Iscos Cisl Abruzzo (8 mila euro) per la realizzazione di una fabbrica di ghiaccio in Senegal per sostenere l’attività di pesca; altri 10mila euro all’Associazione Missione Possibile per la realizzazione degli alloggi infermieri a servizio del dispensario, ossia del piccolo ospedale, già costruito e quegli alloggi sono necessari per garantire la funzionalità, ventiquattro ore su ventiquattro del dispensario stesso; infine 1.410 euro sono stati assegnati all’Associazione culturale Italia-Cina per la costruzione di un tratto di conduttura che dovrà portare l’acqua da un pozzo alla città.