IL DOCUMENTO

Trasferta di un mese per capo dei vigili di Pescara… «pagano tutto i cittadini (con le multe)»

Vitto, alloggio e auto di servizio… gentilmente offerti dalle casse comunali

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

4977

Carlo Maggitti

Carlo Maggitti




PESCARA. Un mese di assenza dal posto di lavoro, retribuito, con vitto, alloggio e trasferimenti in auto garantiti, tutti a spese del Comune di Pescara.
Il protagonista di questa lunga trasferta è il comandante dei Vigili Urbani di Pescara Carlo Maggitti.
Il Comune di Pescara gli ha dato, infatti, il via libera per partecipare ad un corso di aggiornamento in materia di coordinamento delle Forze di Polizia. L’amministrazione comunale ritiene che si tratti di una occasione di «alta formazione» e «considerata l’importanza degli argomenti trattati» e «lo spessore dei relatori e la peculiarità dell’invito ricevuto» Maggitti è stato autorizzato.
Ma il consigliere del Pd, Antonio Blasioli, protesta: non solo si domanda se sia giusto che il Comune si faccia carico delle spese (concedendo pure la macchina di servizio per gli spostamenti nella capitale), ma se sia opportuno che la città resti per così tanto tempo senza il capo dei vigili.
«In un momento in cui non si fa altro che parlare di spending rewiew, di sprechi della politica e di tagli alle spese comunali», spiega Blasioli, «Maggitti ha chiesto e ottenuto che il Comune di Pescara lo autorizzasse a partecipare ad un corso di aggiornamento»
Nel testo della Determina (firmata dal dirigente Carlo Maggitti e dall’incaricato Alessandra Di Gregorio si legge che c’è stato un parere positivo espresso per la partecipazione dato proprio dal sindaco di Pescara. 

«Il Comune di Pescara può permettersi di privarsi del proprio Comandante della Polizia Municipale per un mese?», chiede Blasioli.
Il consigliere comunale tira poi in ballo le norme del contratto nazionale di lavoro dei dirigenti: «concedono il diritto di assentarsi per la propria formazione per un massimo di 8 giorni l’anno. Questo corso, in realtà, durerà 28 giorni mediamente. Un mese intero, dunque, durante il quale non solo Maggitti riceverà puntualmente il suo stipendio, ma potrà spostarsi per Roma, dove si terrà il corso, con l’auto blu del Comune, che pagherà anche l’albergo dove risiederà e ciò che mangerà in questo lasso di tempo. Tutto questo è previsto nella determina».
Una spesa che Blasioli definisce «illegittima oltre che da un punto di vista procedurale anche da un punto di vista etico, dato che, come ho già detto, il momento di grave crisi che sta attraversando il Comune di Pescara è evidente, tanto che, pur di far quadrare il bilancio, la giunta è pronta a tagliare i capitoli destinati al sociale».
Ma il dato più comico, secondo Blasioli, sarebbe un oltre. Ovvero che la trasferta verrà pagata dal capitolo delle missioni della Polizia Municipale di Pescara, capitolo finanziato con i proventi delle multe pagate dai cittadini.
«È evidente che una simile operazione non potrà essere avallata in nessun modo dall’opposizione», annuncia il consigliere di minoranza, «e, a tal proposito, presenterò un’interrogazione al sindaco durante il prossimo consiglio per capire come sia possibile che l’ente che sta amministrando abbia solo pensato di procedere lungo questa strada. Aggiungere altri commenti, a questo punto, mi sembra anche superfluo»

CARLO MAGGITTI SI FIRMA TRASFERTA A ROMA