AVVELENATI

Abruzzo.Bussi, sfumata l’ipotesi Toto, si cercano imprenditori interessati al sito

Fino al 5 novembre aperte le ‘candidature’

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3396

Abruzzo.Bussi, sfumata l’ipotesi Toto, si cercano imprenditori interessati al sito

BUSSI. Il Comune di Bussi cerca imprenditori che vogliano investire sulla reindustruializzazione del sito di Bussi.
L’interessamento della ditta Toto, annunciata nei mesi scorsi, alla fine non si è concretizzato e nella situazione di stallo lo stato di emergenza ambientale continua a permanere «con possibili gravi conseguenze per la salute», come sottolinea proprio il Comune.
Dunque si è deciso di riaprire la caccia e scovare qualcuno che sia interessato all’affare.
Il Comune ha compreso che «in assenza di progetti e soluzioni concrete» è «altissimo il rischio di non consentire la reindustrializzazione del sito di Bussi con gravi ulteriori ripercussioni sull’attuale livello occupazionale che andrebbero a sommarsi ad una situazione già difficile e drammatica per tanti lavoratori».
Il Commissario Goio, ha ricordato il sindaco Salvatore Lagatatta nel corso del Consiglio comunale, ha posto un ultimatum a Toto, dicendo che, se alla data del 10 luglio non fosse stato presentato il progetto, avrebbe provveduto lui stesso, ( in qualità di commissario straordinario) a bonificare le aree alle quali, poi, sarebbe seguito un bando pubblico per l’acquisizione dell’area. Il 9 luglio il sindaco ha partecipato all’incontro con Toto, il quale ha ribadito quanto già espresso nell’incontro del 15 maggio, e cioè «abbiamo bisogno di altri 4 -8 mesi per valutare se il nostro progetto di bonifica possa essere usato nel sito di Bussi» ricordando di aver dato l’incarico all’università Tor Sapienza di Roma e al Centro di Ricerca Ambientale Federale Tedesco UFZ.
«La mia sensazione è che Toto», ha detto il primo cittadino in Consiglio, «si stia proponendo più come soggetto attuatore della bonifica, che come imprenditore con l’obiettivo di industrializzare l’area. Con questi tempi rischiamo che oltre alla messa in CIGS del Silicato e Chimica Fine, a fine anno assisteremo alla chiusura del Mini-bus e ciò determinerà nei fatti la chiusura dell’intero sito».

Lo stesso Lagatta ha annunciato che l’amministrazione ha già avuto contatto con diverse aziende interessate ad investire sul territorio. E’ per questo motivo, per non precludere a nessuno la possibilità di insediarsi a Bussi, che è stato deciso di promuovere una nuova manifestazione di interesse.
Del bando in questione si è discusso a luglio in Consiglio comunale a differenza della volta precedente quando fu una decisione diretta della giunta.
E proprio in Consiglio alcuni esponenti della minoranza hanno espresso perplessità sulla chiusura a Toto: «La trattativa con Toto non è ancora conclusa», aveva sottolineato il consigliere Luca Navarra, già in amministrazione con il sindaco uscente Marcello Chella , «facciamocelo dire da lui se è ancora interessato. Ci vorrebbe un parere legale se incorriamo in eventuali risarcimenti, forse bisogna revocare qualche atto della precedente Amministrazione. Non sono contrario ad una nuova manifestazione di interesse, però necessita concordarlo con gli Enti superiori».
C’è tempo fino al prossimo 5 novembre per presentare la manifestazione di interesse.
a.l.



COMUNE BUSSI, AVVISO BONIFICA E REINDUSTRIALIZZAZIONE