ESTATE ABRUZZESE

Pineto, estate sicura: «il Comune ha tagliato i fondi»

«Gli altri sindaci hanno invece continuato ad investire»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1091

Pineto, estate sicura: «il Comune ha tagliato i fondi»




PINETO. Dopo oltre vent’anni di servizi e assistenze a cittadini e turisti di Pineto, il comune ha deciso di tagliare i fondi destinati al progetto Estate Sicura.
La denuncia arriva dall’Anpas Abruzzo che spiega che negli anni precedenti, nel periodo estivo, l’associazione ha registrato un picco di 3000 interventi di primo soccorso tra medicazioni, misurazioni di pressione e interventi in ambulanza, rivolti non solo ai cittadini ma anche ai numerosi turisti che raddoppiano la popolazione.
La Pubblica Assistenza Pros Onlus Pineto nasce con l’azione volontaria di più di 70 cittadini di Atri e il suo maggiore sviluppo avviene sulla costa nella città di Pineto ed è tra le prime associazioni sulla costa Adriatica ad offrire servizi assistenziali direttamente in spiaggia.
Quali sono le conseguenze dell’assenza dei fondi per questo servizio di assistenza? Risponde il vicepresidente Anpas Abruzzo, responsabile sanitario, Biagio Castagna: «l’assistenza sanitaria in spiaggia, anche se offerta da un nucleo di volontariato qualificato, è stata negli anni di grande supporto nei servizi sanitari offerti dalla ASL. Un filtro utilissimo per evitare che le persone si recassero in pronto soccorso per situazioni che non richiedevano un trattamento ospedaliero».“
Quindi turisti e residenti non avranno più un punto di riferimento in caso di piccole medicazioni e consigli utili?
«Grazie all’AMP Torre del Cerrano», spiega Anselmo Candelori, il presidente della Pubblica Assistenza Pros Onlus, « durante le attività di educazione e prevenzione ambientale siamo riusciti ad organizzarci per garantire un minimo di servizi di assistenza, nulla a confronto delle tantissime attività che abbiamo svolto da più di 20 anni a questa parte. Nelle attività in convenzione con l’AMP quali sorveglianza , monitoraggio e prevenzione su circa 7 km di costa. Gli equipaggi in bike e i Volontari presso l’infopoint “chalet del parco”, (il casotto della Guardia Costiera presso Torre Cerrano) sono dotati di kit di primo intervento e sono a disposizione per informazioni, consigli utili, piccole medicazioni e misurazioni di pressione. Per il resto l’ equipaggio in servizio 118 presso la nostra sede al Centro Polifunzionale sono sempre a disposizione per qualsiasi informazione».
«I comuni limitrofi», chiude il presidente, «per il 2013 hanno investito in questo progetto invece per quest’anno il Comune di Pineto non ha stanziato nessun fondo per questo importante servizio per la comunità, ricordando che estate sicura insieme all’Emergency Bike sono anche stati d’esempio per altre organizzazioni ed hanno sempre inciso ogni anno sull’acquisizione della Bandiera Blu per Pineto»