CEMENTIFICAZIONE

«Fermate quello scempio lungo i fiumi Raio e Aterno»

Il progetto del Commissario Goio costerebbe non meno di 60mln di euro

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2001

«Fermate quello scempio lungo i fiumi Raio e Aterno»






L’AQUILA. Un progetto approvato, vistato e in procinto di essere realizzato nel silenzio assoluto rischia di diventare il nuovo scontro su come si spendono i soldi pubblici.

Se le assocaizioni ambientaliste tacciono ancora, Il Consigliere Comunale, Roberto Tinari, lancia l’allarme perchè migliaia e migliaia di metri cubi di cemento che dovrebbero fungere da contenitori per ridurre il rischio di esondazione dei fiumi Raio ed Aterno, rischiano di stravolgere pesantemente il territorio.
«Si tratta di un progetto inutile e dannoso», sostiene Tinari, «proposto dal Commissario Aterno- Pescara Adriano Goio,  teso alla realizzazione di vasche di laminazione nelle zone di Pettino, Coppito, Cansatessa, Sassa, San Vittorino e Preturo».
Sarebbe inutile –secondo Tinari- sia perché, come già dimostrato da un precedente progetto realizzato dagli Ingegneri Martella e Iorio, per evitare eventuali esondazioni sarebbe necessario sbassare l’alveo dei fiumi ed allargarne il letto, così da aumentarne la capacità della portata, sia perché andrebbe ad influire solo su tratti limitati di fiume, quando invece, per ottenere risultati, si dovrebbe procedere a trattarne il corso per intero.
Sarebbe inoltre dannoso per il consigliere, perché le vasche, comunque, si riempirebbero presto col rischio di tracimare e produrre effetti analoghi se non peggiori a quelli di un’esondazione.
Il problema non è di poco conto: l’ambiente di sicuro rischia di cambiare volto ma anche il costo non è affatto irrisorio.
Le vasche in questione costerebbero 60milioni di euro, «una cifra assolutamente irragionevole che potrebbe destinarsi alla ricostruzione», dice Tinari.
«Progetti non invasivi per l’ambiente, come quello realizzato dai due ingegneri, avrebbero, invece costi ridotti», aggiunge, «dell’ordine di alcuni milioni di euro, interessando peraltro tutto il corso dei fiumi, non solo zone delimitate. Mi auguro che il Commissario Goio si renda conto del danno che porterebbe sul nostro territorio la realizzazione di un progetto tanto scellerato contro il quale continuerò ad oppormi in tutte le sedi».