LA SENTENZA

UdA: il Consiglio di Stato dice sì all’assunzione dei 37 prof ordinari

Il rettore: «ha vinto l’università». Soddisfatto anche l’ex dg Napoleone

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2982

uda università d'annunzio




CHIETI. Il Consiglio di Stato conferma: l’assunzione dei 37 docenti ordinari della d’Annunzio era corretta.
Sbagliava, invece, il Ministero quando eccepiva l’irregolarità della procedura seguita per assumere questi docenti, motivandola con le sopravvenute restrizioni nazionali nella gestione del personale.
La sentenza arriva dopo un’analoga decisione positiva del Tar, che pure aveva dato ragione a questi docenti. Quindi doppia bocciatura per il Miur e doppia vittoria dell’UdA. Questo risultato positivo ottenuto contro il Ministero e contro l’avvocatura dello Stato ha molti padri (come spesso capita quando si vince), però premia sicuramente i docenti che hanno fatto ricorso (prima al Tar e poi al CdS) e accoglie le tesi dei loro avvocati (Gioia Vaccari, Franco Gaetano Scoca, Francesco Vetrò, Federico e Francesca Sorrentino).

Ma in realtà «chi ha vinto è stata la nostra università» ha chiosato il rettore Carmine Di Ilio, da sempre schierato a favore di questi professori ordinari.
«Sono soddisfatto dell’esito positivo della vertenza – ha continuato Di Ilio – e ho percepito anche la soddisfazione dei vincitori che hanno chiuso così un contenzioso che li aveva molto impegnati. Ricordo i giorni caldi delle contestazioni del Ministero e la certezza che fin da allora animò tutti sulla correttezza di questa assunzione».
 In pratica tutta la questione si incentrava sulla possibilità per l’UdA di assumere questi docenti. L’operazione fu attivata nel 2008 attraverso il bando per le prove di valutazione di questi docenti, poiché c’erano sia la copertura economica sia la disponibilità dei “punti organico”, frutto di una speciale contabilità per la gestione del personale che assegna un valore numerico ai posti da coprire in organico. Secondo il Miur i 14,08 punti disponibili - peraltro non superati da queste assunzioni - dovevano essere utilizzati rispettando astratte percentuali di personale (50% ordinari e 20% ricercatori), il che «sarebbe stato vincolante per l’università solo in presenza di corrispondenti disponibilità nelle varie qualifiche».

 Più ragionevole invece il metodo adottato dall’UdA in questa specifica occasione. Successivamente infatti alcuni decreti ministeriali avevano ristretto la possibilità di regolarizzare i docenti ordinari, anche attraverso una rigida modulazione in percentuale delle assunzioni: tot docenti e tot ricercatori. Il CdS ha sentenziato che a fronte della regolarità di tutti i requisiti del bilancio UdA e dei punti organico (che erano stati risparmiati negli anni precedenti), una rigida applicazione delle normative successive non solo avrebbe leso il principio costituzionale dell’autonomia dell’università, ma non sarebbe stato in linea con i principi della buona amministrazione. Il che di fatto promuove l’artefice di quelle assunzioni, cioè l’ex direttore generale Marco Napoleone.
«Sono molto soddisfatto – ha dichiarato Napoleone - sacrificando negli anni precedenti anche la nomina di alcuni dirigenti amministrativi, ho “risparmiato” tutti i punti organico e li ho finalizzati all’assunzione dei docenti di cui l’università aveva bisogno per mantenere un livello competitivo».
 Per l’ex dg una soddisfazione che però sa di beffa e che arriva “postuma”, visto che è stato licenziato perché il Miur ha dato un’interpretazione del suo contratto che potrebbe essere errata, come nel caso di questi prof ordinari.

Sebastiano Calella

ELENCO DEI PROF LICENZIATI E POI RIASSUNTI

 

COGNOME

NOME

1

BIRINDELLI

GIULIANA

2

BONTEMPELLI

CARLO

3

BRIOLINI

FEDERICO

4

BRUNETTI

LUIGI

5

BUCCOLINI

MARCELLO

6

CANDELORI

CARLA

7

CARBONARA

SEBASTIANO

8

CARLUCCI

GIUSEPPE

9

CAROTA

LISIA

10

CATENACCI

CARMINE

11

CECI

CLAUDIA

12

CELLINI

LUIGINA

13

DEL GRATTA

COSIMO

14

DI STEFANO

ANTONIO

15

FORNARI

FABRIZIO

16

FULLE

STEFANIA

17

FUSCHI

MARINA

18

FUSERO

PAOLO

19

GAMBINI

MARIALUISA

20

GRILLI

ALFREDO

21

MEO

M. CHIARA

22

MONTEFOSCHI

PAOLA

23

NATOLI

CLARA

24

PEROLI

ENRICO

25

PIATTELLI

MAURIZIO

26

PIAZZA

MARIO

27

PORRECA

ETTORE

28

PROIA

FRANCESCO

29

PROTASI

FELICIANO

30

RAFFI

ISABELLA

31

SALINI

VINCENZO

32

SARGIACOMO

MASSIMO

33

STANGHELLINI

GIOVANNI

34

TOMMASI

LUCA

35

UNALI

MAURIZIO

36

VANZI

IVO

37

ZIRUOLO

ANDREA