PREMI CASEARI

Abruzzo/Striscia la Notizia in Comune a Pescara. Provolone di Fabio e Mingo per Mascia

Blitz degli inviati di canale 5 per ascensore mai finito

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

9785

Abruzzo/Striscia la Notizia in Comune a Pescara. Provolone di Fabio e Mingo per Mascia

PESCARA. Visita di Striscia la notizia, con Fabio e Mingo, al Comune di Pescara. 
Intorno alle 11.30 Fabio e Mingo, dopo un giro al secondo piano di Palazzo di Città, si sono fatti annunciare al sindaco Albore Mascia che è uscito dalla propria stanza per ricevere i due inviati che gli hanno chiesto spiegazioni sull’ ascensore esterno realizzato a Palazzo di Citta' che non e' mai stato attivato e che si ferma su una finestra sia al primo che al secondo piano, dove sono state gia' installate le pulsantiere. 
Questo impianto doveva servire a raggiungere il terrazzo del municipio, che attualmente si raggiunge solo passando per la scalinata. Ai due il sindaco ha spiegato le vicende di questo ascensore, realizzato dalla precedente amministrazione ma mai ultimato. 
«Striscia la Notizia ha ragione – ha sottolineato il primo cittadino -. Purtroppo quel cantiere rappresenta una delle pessime eredità ricevute dalla mia amministrazione».
Sulla carta l’impianto, tutto in vetro, avrebbe dovuto trasportare folle di turisti sin sul terrazzo del Palazzo comunale, forse per godere della splendida vista panoramica. In realtà l’opera non è mai stata completata perché mancano le autorizzazioni obbligatorie: «installata la cabina, sistemate, addirittura, le pulsantiere ai vari piani», ha spiegato il primo cittadino, «ci si è accorti che l’ascensore finiva dinanzi a delle finestre o addirittura dinanzi a delle mura. Ma per modificare quelle finestre o demolire le mura, per consentire l’uscita o l’ingresso nell’ascensore, era necessario effettuare opere costose con la preventiva autorizzazione della Sovrintendenza, parlando di un edificio storico-monumentale, e quell’autorizzazione non è mai stata chiesta né è mai arrivata». 
Mesi fa si pensò che il nulla-osta fosse spuntato tra le carte, invece i tecnici, a una lettura più approfondita, si sono resi conto che quell’autorizzazione riguardava solo alcune opere pubbliche da eseguire sul marciapiede esterno del Palazzo, anch’esso sottoposto a vincolo, e non l’edificio.
Una eredita', quindi, per la giunta di centrodestra, ha precisato. La troupe di Striscia ha annunciato che tornera' per valutare gli sviluppi della vicenda e prima di andare via ha consegnato un provolone a Mascia il quale ha ricambiato la cortesia donando un libro istituzionale ai due. Il sindaco fa sapere che «la classica provola dolce» la invierà  all’ex amministrazione di  centrosinistra «che ha ideato quell’opera inutile, e che soprattutto, gettato all’aria decine di migliaia di euro. Oggi portare avanti quell’intervento comporterebbe un investimento ancora più ingente, ossia l’utilizzo di risorse che, con la mia amministrazione, preferisco in tutta onestà impiegare sul sociale con interventi concreti di cui la cittadinanza ha realmente bisogno».
Fabio e Mingo si sono spostati poi in altre zone della citta'. 
PESCARA. Visita di Striscia la notizia, con Fabio e Mingo, al Comune di Pescara. 

Intorno alle 11.30 Fabio e Mingo, dopo un giro al secondo piano di Palazzo di Città, si sono fatti annunciare al sindaco Albore Mascia che è uscito dalla propria stanza per ricevere i due inviati che gli hanno chiesto spiegazioni sull’ ascensore esterno realizzato a Palazzo di Citta' che non e' mai stato attivato e che si ferma su una finestra sia al primo che al secondo piano, dove sono state gia' installate le pulsantiere. Questo impianto doveva servire a raggiungere il terrazzo del municipio, che attualmente si raggiunge solo passando per la scalinata. Ai due il sindaco ha spiegato le vicende di questo ascensore, realizzato dalla precedente amministrazione ma mai ultimato. 

«Striscia la Notizia ha ragione – ha sottolineato il primo cittadino -. Purtroppo quel cantiere rappresenta una delle pessime eredità ricevute dalla mia amministrazione». Sulla carta l’impianto, tutto in vetro, avrebbe dovuto trasportare folle di turisti sin sul terrazzo del Palazzo comunale, forse per godere della splendida vista panoramica. In realtà l’opera non è mai stata completata perché mancano le autorizzazioni obbligatorie: «installata la cabina, sistemate, addirittura, le pulsantiere ai vari piani», ha spiegato il primo cittadino, «ci si è accorti che l’ascensore finiva dinanzi a delle finestre o addirittura dinanzi a delle mura. Ma per modificare quelle finestre o demolire le mura, per consentire l’uscita o l’ingresso nell’ascensore, era necessario effettuare opere costose con la preventiva autorizzazione della Sovrintendenza, parlando di un edificio storico-monumentale, e quell’autorizzazione non è mai stata chiesta né è mai arrivata». 

Mesi fa si pensò che il nulla-osta fosse spuntato tra le carte, invece i tecnici, a una lettura più approfondita, si sono resi conto che quell’autorizzazione riguardava solo alcune opere pubbliche da eseguire sul marciapiede esterno del Palazzo, anch’esso sottoposto a vincolo, e non l’edificio.Una eredita', quindi, per la giunta di centrodestra, ha precisato. La troupe di Striscia ha annunciato che tornera' per valutare gli sviluppi della vicenda e prima di andare via ha consegnato un provolone a Mascia il quale ha ricambiato la cortesia donando un libro istituzionale ai due. Il sindaco fa sapere che «la classica provola dolce» la invierà  all’ex amministrazione di  centrosinistra «che ha ideato quell’opera inutile, e che soprattutto, gettato all’aria decine di migliaia di euro. Oggi portare avanti quell’intervento comporterebbe un investimento ancora più ingente, ossia l’utilizzo di risorse che, con la mia amministrazione, preferisco in tutta onestà impiegare sul sociale con interventi concreti di cui la cittadinanza ha realmente bisogno».Fabio e Mingo si sono spostati poi in altre zone della citta'.