EMERGENZA

Abruzzo/Tubatura rotta: 19 Comuni senz'acqua dalle 13

Improvvisa rottura. Problemi a Chieti, Torre e Manoppello

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

18490

Abruzzo/Tubatura rotta: 19 Comuni senz'acqua dalle 13

 

CHIETI. L’annuncio lo ha dato per primo il sindaco di Chieti Umberto Di Primio alle 13.30 sulla propria Pagina di Facebook: «URGENTE!!!!», ha scritto, in maiuscolo con una lunga serie di punti esclamativi: «A causa di una rottura sulla condotta idrica dell’acquedotto del Giardino sarà sospesa l’erogazione idrica su tutto il territorio di Chieti da oggi pomeriggio fino a domani mattina… Per favore condividete la notizia...». A chi chiedeva ulteriori informazioni il primo cittadino ha spiegato che la sospensione riguarderà tutto il territorio. Solo qualche minuto più tardi si è scoperto che in realtà sono 19 in totale i Comuni coinvolti. 

L’ACA AL LAVORO: 19 COMUNI A SECCO 

Alle 14 l'Aca ha annunciato l'inizio di lavori di riparazione di un tratto dell’adduttrice principale dell’Acquedotto Giardino, che si è rotta improvvisamente  in località Torre de’ Passeri, intorno alle ore 13. A causa della consistenza delle opere da realizzare è stato necessario interrompere momentaneamente la normale erogazione idrica, ha detto l’Aca. Il provvedimento farà registrare nelle prossime ore scompensi nella distribuzione di acqua potabile in alcune zone dei comuni interessati. Si potrebbero, infatti, riscontrare cali di pressione e carenze idriche limitati però solo alle abitazioni prive di autoclave. «La situazione, comunque – ha continuato la Direzione dell’Azienda Acquedottistica di Pescara -, è costantemente monitorata dai tecnici dell’Aca in modo da intervenire in caso di necessità. Si conta di riparare il guasto entro la mattina di domani 22 marzo, in modo da riportare alla completa normalità la distribuzione idrica in tutta la zona interessata dall’intervento nel più breve tempo possibile».I comuni alimentati dall’acquedotto Giardino e presso i quali si potrebbe verificare lo stato di carenza idrica o di riduzione di pressione sono: Torre de’ Passeri, Castiglione a Casauria, Tocco da Casauria, Bolognano, Scafa, Turrivalignani, Manoppello, Casalincontrada, Alanno, Rosciano, Cepagatti, Spoltore, Chieti, San Giovanni Teatino, Torrevecchia Teatina, Francavilla al Mare, Montesilvano, Città Sant’Angelo e Pescara.Comprensibili e notevoli i disagi per oltre 100mila persone e numerosissime attività imprenditoriali che si trovano a far fronte ad una emergenza imprevista.Purtroppo anche in questo caso l'informazione non è giunta tempestiva ed ancora in questo momento sono moltissimi coloro che cercano conferme al numero verde dell'Aca che tuttavia non risponde.

TORRE DE’ PASSERI, VENERDI' SCUOLE CHIUSE

A secco anche Torre De’ Passeri dove si è verificato intorno alle ore 12:30 il guasto alla condotta idrica principale. Mezzo paese è senz’acqua. Sul posto, insieme alla Polizia Municipale, l’ufficio tecnico comunale e ai Carabinieri, ci sono gli operatori dell’Aca, che gestisce la rete, che stanno già lavorando per pianificare gli interventi di sistemazione. Il guasto sembrerebbe di importante entità e dunque i lavori potrebbero protrarsi per tutta la giornata odierna. Il Comune ha annunciato che nella giornata di venerdì le scuole resteranno chiuse.

VENERDI’ INTERVENTO A MANOPPELLO

Intorno alle ore 8 di domani, venerdì 22 marzo, prenderà il via l’intervento dell’Aca di allaccio delle utenze alla nuova condotta idrica nel comune di Manoppello. Per consentire le operazioni di scavo, sarà necessario sospendere la normale erogazione idrica fino alle ore 20 circa in via Matteotti, via d’Annunzio, via dei Fiori, piazza Zambra, via Sulmona, via L’Aquila, via Chieti, via Teramo, via XX settembre e strade minori della zona interessata dal cantiere. Lievi cali di pressione potrebbero registrarsi nelle ore serali di venerdì, informa l’Aca, solo nei palazzi privi di autoclave, mentre nelle restanti abitazioni non si verificherà alcun disagio.

IN 200 MILA SENZA ACQUA

«L’intervento – ha spiegato la Direzione Aca – consiste nella riparazione di un tratto di adduttrice lungo circa mezzo metro, che si è guastato presumibilmente a causa della rottura di una guarnizione, ormai vecchia e obsoleta. Un lavoro particolarmente complesso  dato che l’adduttrice in questione serve circa 200mila utenti ubicati nel territorio compreso tra Popoli e Montesilvano.   Intanto i nostri tecnici – ha spiegato la Direzione dell’Aca – stanno effettuando manovre mirate per riportare in equilibrio la normale erogazione idrica, attraverso l’apporto di una maggiore quantità di acqua potabile. Proprio per consentire il totale riempimento del serbatoi ed evitare il perdurare dei disagi, abbiamo richiesto alla Ruzzo reti di incrementare quanto più possibile la fornitura idrica alla nostra Azienda, con un aumento pari a 60 litri al secondo in più. Inoltre sono stati dirottati nelle zone interessate dalla carenza circa 15 litri al secondo in più dall’Acquedotto Tavo e altri 15 litri al secondo in più dall’Acquedotto Val di Foro» 

SCUOLE CHIUSE ANCHE A MANOPPELLO

A causa della carenza idrica anche il sindaco di Manoppello ha firmato una ordinanza di sospensione di tutte le attività didattiche delle Scuole di ogni ordine e grado del Comune di Manoppello , «a partire dalla data odierna e fino a tutto il 22 Marzo 2013 e  comunque subordinata al ripristino della regolare erogazione idrica».  

SCUOLE CHIUSE ANCHE A SPOLTORE

Il sindaco di Spoltore Luciano Di Lorito ha firmato un’ ordinanza di sospensione di tutte le attività didattiche delle Scuole di ogni ordine e grado del Comune di Spoltore, ad eccezione di Caprara (servita da un altro acquedotto), per la giornata di domani, venerdì 22 marzo.

A PESCARA  SCUOLE APERTE E AUTOBOTTE DA 8 MILA LITRI

Il Comune di Pescara informa di aver garantito la fornitura di acqua potabile nei luoghi sensibili, a partire dall’ospedale civile e dalla clinica Pierangeli, che hanno una condotta idrica preferenziale. «Poi abbiamo predisposto», spiega l’assessore Berardino Fiorilli, «l’acquisto iniziale di mille bottiglie da un litro e mezzo di acqua minerale naturale che, con i volontari della Protezione civile, coordinati da Angelo Ferri, subito mobilitati, provvederemo a consegnare a domicilio nei casi di forte necessità». 

Inoltre alle 19 è arrivata da San Salvo un’autobotte da 8mila litri che per ora abbiamo posizionato presso l’antistadio dove i cittadini possono andare personalmente a prendere acqua, ovviamente non per uso alimentare, ma solo per i servizi. «A ciascun cittadino», va avanti Fiorilli, «chiediamo di non prelevare più di 5 litri d’acqua per permettere a tutti di usufruirne. Più tardi sposteremo l’autobotte nella zona del centro, in piazza Duca degli Abruzzi, per rifornire anche quella parte di città. Per ora il sindaco ha deciso di non chiudere le scuole cittadine, considerando che uno scarso preavviso avrebbe determinato probabilmente troppi disagi alle famiglie. Ovviamente domani in mattinata porteremo alcuni bancali di acqua nelle scuole comunali per fornire una provvista per gli studenti, a partire da quelli che usufruiscono anche del servizio mensa. Intanto il Coc e il Comando della Polizia municipale resteranno aperti sino all’una di questa notte, raggiungibili al numero telefonico 085/37371, per poi riprendere servizio alle 6 in punto e verificare la situazione, approntando altri eventuali interventi d’emergenza».

A CHIETI SCUOLE APERTE

Il sindaco di Chieti, Umberto Di Primio, ha comunicato che nella giornata di venerdì le scuole saranno regolarmente aperte e la Protezione Civile consegnerà l'acqua in tutti i plessi. 

 

CHIETI. L’annuncio lo ha dato il sindaco di Chieti Umberto Di Primio alle 13.30 sulla propria Pagina di Facebook: «URGENTE!!!!», ha scritto, in maiuscolo con una lunga serie di punti esclamativi: «A causa di una rottura sulla condotta idrica dell’acquedotto del Giardino sarà sospesa l’erogazione idrica su tutto il territorio di Chieti da oggi pomeriggio fino a domani mattina… Per favore condividete la notizia...»
A chi chiede ulteriori informazioni il primo cittadino ribadisce che la sospensione riguarderà tutto il territorio. Al momento non si conoscono ulteriori dettagli né l’orario in cui il servizio idrico sarà ripristinato, nella giornata di domani.
L’ACA AL LAVORO: 19 COMUNI A SECCO
 Sono in corso i lavori dell’Aca di riparazione di un tratto dell’adduttrice principale dell’Acquedotto Giardino, che si è rotta improvvisamente oggi, in località Torre de’ Passeri, intorno alle ore 13. Lo ha reso noto la Direzione dell’Azienda Acquedottistica di Pescara che è impegnata ininterrottamente sul posto per l’immediata riparazione del danno.
A causa della consistenza delle opere da realizzare è stato necessario interrompere momentaneamente la normale erogazione idrica, ha detto l’Aca.
 Il provvedimento farà registrare nelle prossime ore scompensi nella distribuzione di acqua potabile in alcune zone dei comuni interessati. Si potrebbero, infatti, riscontrare cali di pressione e carenze idriche limitati però solo alle abitazioni prive di autoclave. 
«La situazione, comunque – ha continuato la Direzione dell’Azienda Acquedottistica di Pescara -, è costantemente monitorata dai tecnici dell’Aca in modo da intervenire in caso di necessità. Si conta di riparare il guasto entro la mattina di domani 22 marzo, in modo da riportare alla completa normalità la distribuzione idrica in tutta la zona interessata dall’intervento nel più breve tempo possibile».
I comuni alimentati dall’acquedotto Giardino e presso i quali si potrebbe verificare lo stato di carenza idrica o di riduzione di pressione sono: Torre de’ Passeri, Castiglione a Casauria, Tocco da Casauria, Bolognano, Scafa, Turrivalignani, Manoppello, Casalincontrada, Alanno, Rosciano, Cepagatti, Spoltore, Chieti, San Giovanni Teatino, Torrevecchia Teatina, Francavilla al Mare, Montesilvano, Città Sant’Angelo e Pescara.
Comprensibili e notevoli i disagi per oltre 100mila persone e numerosissime attività imprenditoriali che si trovano a far fronte ad una emergenza imprevista.
Purtroppo anche in questo caso l'informazione non è giunta tempestiva ed ancora in questo momento sono moltissimi coloro che cercano conferme al numero verde dell'Aca che tuttavia non risponde.
TORRE DE’ PASSERI, VENERDI' SCUOLE CHIUSE
A secco anche Torre De’ Passeri dove si è verificato intorno alle ore 12:30 di stamane, 21 marzo, un improvviso guasto alla condotta idrica principale. Mezzo paese è senz’acqua. Sul posto, insieme alla Polizia Municipale, l’ufficio tecnico comunale e ai Carabinieri, ci sono gli operatori dell’Aca, che gestisce la rete, che stanno già lavorando per pianificare gli interventi di sistemazione. Il guasto sembrerebbe di importante entità e dunque i lavori potrebbero protrarsi per tutta la giornata odierna. Il Comune ha annunciato che nella giornata di venerdì le scuole resteranno chiuse.
VENERDI’ INTERVENTO A MANOPPELLO
Intorno alle ore 8 di domani, venerdì 22 marzo, prenderà il via l’intervento dell’Aca di allaccio delle utenze alla nuova condotta idrica nel comune di Manoppello. Per consentire le operazioni di scavo, sarà necessario sospendere la normale erogazione idrica fino alle ore 20 circa in via Matteotti, via d’Annunzio, via dei Fiori, piazza Zambra, via Sulmona, via L’Aquila, via Chieti, via Teramo, via XX settembre e strade minori della zona interessata dal cantiere. Lievi cali di pressione potrebbero registrarsi nelle ore serali di venerdì, informa l’Aca, solo nei palazzi privi di autoclave, mentre nelle restanti abitazioni non si verificherà alcun disagio.
IN 200 MILA SENZA ACQUA
«L’intervento – ha spiegato la Direzione Aca – consiste nella riparazione di un tratto di adduttrice lungo circa mezzo metro, che si è guastato presumibilmente a causa della rottura di una guarnizione, ormai vecchia e obsoleta. Un lavoro particolarmente complesso  dato che l’adduttrice in questione serve circa 200mila utenti ubicati nel territorio compreso tra Popoli e Montesilvano.   Intanto i nostri tecnici – ha spiegato la Direzione dell’Aca – stanno effettuando manovre mirate per riportare in equilibrio la normale erogazione idrica, attraverso l’apporto di una maggiore quantità di acqua potabile. Proprio per consentire il totale riempimento del serbatoi ed evitare il perdurare dei disagi, abbiamo richiesto alla Ruzzo reti di incrementare quanto più possibile la fornitura idrica alla nostra Azienda, con un aumento pari a 60 litri al secondo in più. Inoltre sono stati dirottati nelle zone interessate dalla carenza circa 15 litri al secondo in più dall’Acquedotto Tavo e altri 15 litri al secondo in più dall’Acquedotto Val di Foro» 
SCUOLE CHIUSE ANCHE A MANOPPELLO
A causa della carenza idrica anche il sindaco di Manoppello ha firmato una ordinanza di sospensione di tutte le attività didattiche delle Scuole di ogni ordine e grado del Comune di Manoppello , «a partire dalla data odierna e fino a tutto il 22 Marzo 2013 e  comunque subordinata al ripristino della regolare erogazione idrica».