PROTESTE

Risco fa dietrofront: annullata nomina per acclamazione, esce un bando (contestato)

Polemiche e malumori, però, sul nuovo avviso

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2697

Risco fa dietrofront: annullata nomina per acclamazione, esce un bando (contestato)





PIANELLA. Dopo la denuncia pubblica del capogruppo di minoranza al consiglio comunale di Pianella, Sandro Marinelli la Ris.co s.r.l. torna sui propri passi.
La società partecipata dai comuni di Pianella, Loreto, Catignano e Nocciano annulla la nomina per “acclamazione” dell’amministratore unico, pubblicando sull’albo pretorio on line degli enti soci il bando di selezione per l’incarico di amministratore.
«Anche questa volta», commenta Marinelli, «il consueto tentativo di conferire incarichi pubblici retribuiti in spregio ai requisiti di competenza, trasparenza e pari opportunità è stato scongiurato grazie alla risonanza che gli organi di stampa hanno dato alla nostra denuncia, ma temiamo fortemente che il bando, per come presentato, possa servire a dare una parvenza di legittimità a nomine decise sempre con criteri di appartenenza e non di merito».
Come già avvenuto per la nomina del difensore civico dell’unione dei comuni di cui fa parte Pianella, il bando presenta secondo la minoranza «diverse anomalie», a cominciare dai termini di pubblicazione: i 15 giorni prescritti dalle legge, sono stati ridotti a 13, nonostante ci siano anche le festività pasquali di mezzo.
Inoltre era stata contestata la data di scadenza delle domande alla mattina del 3 aprile alle ore 12 e cioè mentre il bando è ancora in pubblicazione, «senza considerare l’assoluta mancanza di qualsiasi griglia di valutazione, tale da ridurre la scelta, ancora una volta, a pura discrezionalità dell’assemblea dei soci».
«Nel caso del difensore civico – aggiunge il consigliere comunale – D’Ambrosio all’esito del bando a cui fu obbligato dall’assemblea dei soci impose lo stesso nominativo di sua fiducia nonostante la presenza di candidature alternative di assoluto pregio, provocando anche l’abbandono della seduta da parte di numerosi componenti, i quali se ne saranno di certo ricordati nei mesi scorsi leggendo le cronache riguardanti la vicenda delle intercettazioni tra D’Ambrosio e il difensore civico Manuela Pierdomenico».
«Certo – conclude Marinelli – che la riduzione arbitraria dei termini di pubblicazione e l’ampia discrezionalità del bando non lasciano prevedere nulla di buono, ma auspichiamo la più ampia partecipazione di candidati e soprattutto la attenta vigilanza degli altri comuni soci, affinchè una società pubblica che gestisce milioni di euro possa essere amministrata dalla persona più capace e meritevole, anche se non risulta annoverata tra i fedelissimi del sindaco di Pianella».

Bando Risco PIANELLA