PROFESSIONALITA' CERCASI

Pescara, Mascia cerca un nuovo consulente gratis. Anzi no

Del Vecchio: «un extraterrestre alla corte di Mascia»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2572

Luigi Albore Mascia

Luigi Albore Mascia




PESCARA. Due avvisi, pubblicati uno a poca distanza dall’altro.
Il primo è datato 14 febbraio 2013 e il Comune annuncia di essere alla ricerca di un collaboratore esterno, «una alta professionalità» da incaricare per la pianificazione, progettazione, coordinamento e realizzazione di «progetti speciali e strategici», quali Area di Risulta; ex Tracciato FS; Area ex COFA; Riqualificazione Urbana, Arredo Urbano, Strade e Piazze; Riqualificazione Energetica e Sostenibilità Ambientale; Attuazione del Programma di Governo in Materia Urbanistica.
Compenso economico: zero euro per un incarico che dovrà andare avanti fino a fine anno. Il 21 febbraio, però, quell’avviso è stato sostituito con un altro il cui contenuto viene ridimensionato nei compiti: si parla di «studio di progetti tesi alla Riqualificazione Urbana, con particolare riferimento all’Area di Risulta».
Cambia anche un’altra voce, quella del compenso: non più lavoro gratis ma 5 mila euro. Le candidature potevano essere consegnate fino al 4 marzo scorso. Il consulente dovrà essere un architetto o un ingegnere, regolarmente iscritto all’ordine professionale.
Protesta il consigliere comunale del Partito Democratico Enzo Del Vecchio: «Mascia è voglioso di dare un senso alla evanescente e sbiadita gestione amministrativa della città come un grande illusionista ha piazzato lì un bando per individuare una “alta professionalità” a cui affidare la soluzione di tutte le questioni tecnico-urbanistiche di rilievo tenute da oltre 50 mesi in un qualche polveroso cassetto».
Una professionalità, del tipo architetto Michele Lepore, sostiene ancora Del Vecchio, «già ampiamente incaricato» dall’amministrazione, «che per spirito di sacrificio ed inusuale abnegazione dovrebbe dedicarsi a gestire quella immensa mole di lavoro prevista dal bando con l’unica grande soddisfazione di poterlo fare assolutamente a costo zero e ricevere il plauso incondizionato dello stesso sindaco».
Anche il cambio in corsa e quel compenso di 5 mila euro, secondo il Pd, comunque stride anche perché l’incarico riguarda un’area per la quale «Mascia aveva annunciato nel passato ed a più riprese progetti e sistemazioni che mai hanno avuto l’onore di essere conosciuti dalla Città e che ora, a scadenza di mandato, risulta ancor meno plausibile».
Del Vecchio chiede che l’amministrazione di centrodestra annulli «questa baggianata».
Diversamente non rimane che attendere la «scadenza dell’incarico fissata al 31.12.2013, eventualmente rinnovabile fino alla scadenza del mandato del sindaco» per poter conoscere l’esito della prestazione che verrà consegnata alla futura amministrazione.

EX COFA
Intanto non si placano le polemiche su quanto accaduto nei giorni scorsi sulla vicenda ex Cofa e la mancata ratifica dell’accordo di programma in aula.
«Basta bugie, basta menzogne alla città, basta quel politichese che, forse il Pd non se n’è accorto, ha stancato un Paese intero», commenta il capogruppo del Pdl Armando Foschi.
«Quanto accaduto in quell’aula dovrebbe far sollevare dalle sedie i vertici del partito, le segreterie provinciali e regionali, peraltro disconosciute dal gruppo consiliare del Pd al Comune, un gruppo che ha fatto esattamente il contrario delle indicazioni del partito».
La Confcommercio, invece, ringrazia l’opposizione ostruzionistica: «nessuna occasione persa, si è solo evitato di attuare un vero e proprio scempio su un’area fondamentale per lo sviluppo della città. A volte occorre fare un passo indietro per farne tanti in avanti».

Progetti Strategici - Area Risulta - Ex COFA - Nuovo Avviso by

Progetti Strategici - Area Risulta - Ex COFA by