RIFIUTI

Spoltore, la raccolta differenziata ‘porta a porta’ in tutto il Comune

«Obiettivo raggiungere 65% raccolta differenziata»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3105

Spoltore Di Lorito porta a porta

SPOLTORE. A partire dal primo marzo il servizio di raccolta “porta a porta” dei rifiuti coinvolgerà l’intero territorio di Spoltore, con l’estensione a circa 10mila utenze.
Nelle frazioni di Villa Raspa e Santa Teresa, dove il servizio è attivo dal 2008, si provvederà all’integrazione di nuovi mastelli (plastica e vetro). La novità riguarderà l’avvio integrale del servizio domiciliare a Spoltore capoluogo, Santa Lucia, Villa Santa Maria, Cavaticchi e Caprara.
«In queste zone i cittadini attendono da tempo risposte concrete per quanto concerne la raccolta differenziata – ha affermato il sindaco Luciano Di Lorito -. Con l’estensione del porta a porta contribuiamo a rendere più vivibile la città e manteniamo fede alla promessa fatta in campagna elettorale».
Le novità del nuovo servizio sono state illustrate ieri mattina, nel corso di una conferenza stampa a cui hanno partecipato: il sindaco di Spoltore Luciano Di Lorito; il vice sindaco Enio Rosini; l’assessore all’Ambiente Quirino Di Girolamo; il presidente della Ecologica s.r.l. Francesco Lattanzio e l’amministratore della Ecologica s.r.l Giuliano Pilone.
Nel mese di febbraio si terranno una serie di incontri formativi e campagne di sensibilizzazione che verranno effettuati con utenze domestiche, non domestiche e con le scuole. «Obiettivo del servizio è quello di raggiungere e superare il 65% di raccolta differenziata, quale traguardo stabilito dalla normativa di riferimento», ha spiegato l’assessore all’Ambiente Quirino Di Girolamo.
«Il servizio richiede degli sforzi sia da parte della società che da parte della popolazione – ha sottolineato Pilone -. Le utenze saranno accompagnate e guidate attraverso incontri e materiale informativo (brochure, calendari, locandine, manifesti), non solo durante la fase di avvio del servizio ma anche attraverso una costante assistenza fornita dagli Ecosportelli, a favore della cittadinanza, da un apposito Numero Verde e tramite interne».
Importanti novità riguarderanno l’utilizzo di tecniche innovative, come il tag transponder, che permetterà di individuare i cittadini meno virtuosi. 

M5S:«AVEVAMO PROPOSTO INTERROGAZIONE SUI RITARDI»
Il consigliere comunale del Movimento 5 Stelle di Spoltore, Carlo Spatola Mayo precisa oggi che un’interrogazione era stata presentata il 17 settembre 2012 nella quale si chiedeva all’amministrazione tra l’altro, di giustificare la mancata estensione a tutto il territorio comunale della raccolta differenziata, il mancato raggiungimento degli obbiettivi di legge per la raccolta differenziata e di abbassare sensibilmente i costi della stessa introducendo ove possibile il compostaggio domestico.
L’interrogazione poi chiedeva di ripensare l’attuale sistema di tassazione del servizio, basato sulla Tarsu, in favore di un diverso sistema tariffario che prevedesse meccanismi per premiare i comportamenti virtuosi.