LA DENUNCIA

Cupello ancora senz’acqua, il sindaco denuncia la Sasi

Pollutri: «incapacità organizzativa dall’alto»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

771

CUPELLO

CUPELLO. Il sindaco di Cupello Angelo Pollutri preannuncia una querela nei confronti della Sasi per attività di sabotaggio di pubblico servizio.
Il primo cittadino è esasperato in conseguenza del quarto fine settimana di mancata erogazione di acqua potabile nel Comune.
Inoltre oggi, in occasione dell’assemblea della Sasi, Pollutri chiederà le dimissioni dell’intero Cda a causa dell’«assoluta incapacità professionale, tecnica ed organizzativa dimostrata nella sciagurata gestione di erogazione del servizio».
«E’ inconcepibile», denuncia il primo cittadino, «che da due mesi consecutivi il fine settimana nel territorio vastese si resti senza acqua, e cosa ancora più grave è che il Comune di Cupello, che ha annunciato una class action nei confronti della Sasi, sia il comune dove puntualmente il sabato e la domenica non c’è erogazione di acqua».
Il sindaco parla senza dubbi di «incapacità organizzativa dall’alto, e questi fatti avvengono il sabato e la domenica, giorni nei quali gli impianti sono completamente sforniti di sorveglianza».
«L’attuale gestione della Sasi», va avanti il sindaco, «è preoccupata esclusivamente nel recuperare crediti, ma non è assolutamente in grado neanche di organizzare un turno di lavoro che garantisca, nei giorni festivi, l’efficienza del servizio».
Nelle scorse settimane l’amministrazione comunale si è affidato ai legali Angela D’Ercole, Concetta Di Stefano ed Erminia Di Filippo ai quali spetta il colpito di «valutare l’azione legale più opportuna», compresa la possibilità di procedere con un’azione collettiva risarcitoria (class action).