INSEGUIMENTO MATTUTINO

Furto di rame: recuperata refurtiva grazie a segnalazione di un cittadino

Inseguimento dei carabinieri che recuperano bottino ma i malviventi fuggono

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2622

pattuglia carabinieri, posto di blocco
CHIETI. Una telefonata... non si sa mai. Erano diversi minuti che quel furgone era lì e quelle quattro persone armeggiavano.

 Ma che cosa facevano lì visto che la casa era in costruzione?
Così un cittadino ha allertato i carabinieri ai quali ha demandato il compito di verificare se si trattasse di attività illecite.
Alle 7 di stamane è scattata la verifica nei pressi di via dei Frentani ma il furgone non c'era già più. Una pattuglia  dei carabinieri lo ha intercettato poco dopo sull’asse attrezzato, mentre si dirigeva in direzione di Pescara.
La pattuglia si è quindi posta all’inseguimento del mezzo, tentando di affiancarsi per intimare l’alt al conducente che, accortosi della presenza dei militari, con diverse manovre spericolate ha ostruito più volte il passaggio, rischiando anche la collisione, e impedendogli così di affiancarsi.
Il furgone, sempre inseguito dalla gazzella, all’altezza dell’Ipercoop di Sambuceto, è uscito dal raccordo autostradale, imboccando alcune vie secondarie della zona industriale. Giunti su una strada sterrata che costeggia la ferrovia, il furgone è stato abbandonato e i quattro occupanti sono fuggiti disperdendosi per i campi.
Sul posto sono intervenute altre pattuglie dell’Arma in ausilio ai colleghi. Per le ricerche è stata anche impiegata l’unità cinofila. All'interno del mezzo è stato trovato il carico: alcuni cavi di rame, asportati dall’abitazione in costruzione da cui i quattro sono stati visti allontanarsi, e arnesi per lo scasso.
Dei quattro uomini nessuna traccia ma le ricerche sono in corso.

RICERCHE IN CORSO, NESSUNO SPARO
Non ci sono ancora novità sulla caccia ai quattro uomini, presumibilmente di origine romena, che questa mattina hanno compiuto un colpo a Chieti (e non Francavilla come detto in un primo momento), in via dei Frentani.
I militari agli ordini del capitano Livio Lupieri stanno continuando le ricerche a largo raggio dopo che questa mattina anche un elicottero della polizia aveva sorvolato un'area che va da Chieti a San Giovanni Teatino fino alla periferia di Pescara.
Nessuna traccia dei fuggiaschi che però potrebbero aver lasciato impronte e dettagli che non sfuggiranno alle analisi approfondite del reparto scientifico dei carabinieri. Si tratta però di analisi che impiegheranno alcune settimane per svelare il loro contenuto.
I carabinieri poi smentiscono categoricamente il particolare trapelato di una sparatoria tra i malviventi ed i carabinieri. Nemmeno un colpo -secondo il comando provinciale dei carabinieri- è stato esploso e la ruota bucata del furgone bianco non sarebbe la conseguenza di uno sparo.
Per ora difficile dire anche se si tratti di una banda isolata o di una organizzazione più ampia; sta di fatto che negli ultimi anni i furti di rame si sono intensificati enormemente non solo in Abruzzo.