IL FATTO

Tenta di togliersi la vita: un’amica lo salva e chiama la polizia

Gli agenti scavalcano e lo trovano sul letto

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1575

Tenta di togliersi la vita: un’amica lo salva e chiama la polizia
ASSERGI. «Correte, fate preso, il mio amico vuole suicidarsi».



Era disperata la voce di una donna che questa mattina poco prima delle 9 ha chiamato in questura a L’Aquila per chiedere aiuto. Non per se stessa ma per un suo amico che aveva annunciato la propria intenzione di farla finita. E così si sono messe subito in moto due auto della Volante. I poliziotti hanno accertato che la vettura del presunto suicida era parcheggiata nelle adiacenze della sua abitazione. Gli agenti hanno provato a suonare ripetutamente al citofono ma non hanno ottenuto risposta.
La porta di casa era chiusa a chiave dall’interno e la Volante ha subito allertato i vigili del Fuoco. Ma nell’attesa, durante l’ispezione esterna dello stabile, i poliziotti si sono accorti che una finestra dell’abitazione era aperta. Considerata la gravità e l’urgenza della situazione e soprattutto la necessità di intervenire con immediatezza, due agenti hanno scavalcato la finestra e sono riusciti ad entrare all’interno dell’appartamento.
Una volta dentro hanno trovato l’uomo, un 40 enne, steso sul letto, in stato di semi incoscienza, causato probabilmente dall’assunzione di farmaci o altre sostanze. Immediatamente è stato contattato il 118 che è arrivato sul posto con l’elisoccorso. Dopo le prime cure mediche è stato disposto il ricovero presso l’ospedale San Salvatore del capoluogo.