VANDALISMO ARTISTICO

Arte o scherzo? Il mistero della statua “mostruosa” a Pescara

Chi ha "cambiato i connotati" alla statua e perché?

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

7822

La statua del mistero

La statua del mistero

ABRUZZO. Una statua ed un curioso lifting che ha livellato il profilo del volto fino a renderlo irriconoscibile.

Un restauro maldestro (a dire poco), un atto di vandalismo o uno scherzo all’indirizzo di qualcuno?
Impossibile dire per quale ragione una delle statue che abbelliscono Palazzo di città a Pescara sia stata ridotta così. Chi ha potuto avere accesso all’opera d’arte, in che modo e quando? La statua si trova su una delle facciate dell’edificio: in totale ce ne sono tre. Ma se le prime due sono ‘normali’ (una ha il mento scheggiato) e più classiche l’ultima è alquanto sconcertante.
Un lettore molto attento che ha fotografato la statua con un obiettivo (garantiamo che non è stato fatto uso di photoshop o programmi simili) ha notato lo strano fenomeno e si è fatto molte domande che non hanno trovato al momento una risposta. E’ possibile che la statua fosse già sfregiata ed è stata riparata in questo modo? A prima vista pare che sul volto sia stato spalmato uno strato di calce e poi siano stati ‘scavati’ con l’uso delle dita, due fori per gli occhi, uno ben più profondo per il naso e uno più accennato per le labbra. Risultato? Una specie di mostro. 


Chi lo ha creato? Per accedervi c’è bisogno di una impalcatura e l’ultima che si ricordi negli ultimi anni è stata montata nel periodo dalfonsiano in occasione del restauro della torre dell'orologio e della facciata del Palazzo di Città.
A quanto se ne sa il gesto non ha al momento autori né si sa se il lavoro sia stato magari pagato dal Comune. Seppure “sconcertante” non si può dire che questo sia l’unico evento inspiegabile di Palazzo di città.