TAGLI

Tollo, tagli alle spese inutili e tasse invariate

Bilancio: l’amministrazione Radica sceglie di non aumentare la pressione fiscale

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1268

Angelo Radica

Angelo Radica

TOLLO. È stato approvato dalla nuova giunta di Tollo il bilancio 2012, che a questo punto dovrà passare per il Consiglio comunale del 29 giugno per il via libera definitivo.

Tagli alle spese inutili e massima razionalizzazione le parole d’ordine del sindaco Angelo Radica, che si è trovato davanti a una situazione finanziaria preoccupante ereditata dalla vecchia amministrazione e aggravata dal fatto che quest’anno il Comune dovrà fare a meno di ben 228mila euro di trasferimenti da parte dello Stato.

«Il nostro obiettivo – spiega meglio il primo cittadino – è stato prima di tutto quello di razionalizzare le spese senza però andare a intaccare i servizi offerti. Per questo motivo, abbiamo deciso di tagliare voci inutili, quali ad esempio lo staff del sindaco, che ci consentirà un risparmio di ben 23mila euro. Ridotte, inoltre, le spese legali e di funzionamento degli uffici, quelle relative a mensa e trasporto scolastico e tagli, infine, alle voci legate ai dipendenti, come indennità e straordinari».
Di contro, l’amministrazione comunale di Tollo si distinguerà per nessun aumento in termini di tasse. «Ad eccezione dell’accertamento Ici – continua Radica -, imposta peraltro lasciata invariata, non aumenteremo Tarsu, addizionale Irpef, tutte le spese che riguardano la mensa scolastica, l’occupazione di suolo pubblico e l’imposta per la pubblicità».
L’idea della nuova giunta è che ridurre il peso fiscale che grava sulla popolazione sia la chiave di volta per iniziare a ripartire e, dunque, a crescere.
«Sono le persone da cui dipende il nostro futuro – conclude il sindaco pensando ai comuni cittadini –, le persone che in questa fase dobbiamo aiutare e sostenere. Per questo il ringraziamento va ai miei assessori ma, in particolar modo, ai dipendenti comunali che, accettando i tagli che li riguardano in prima persona, hanno dimostrato una grande professionalità e consentito questo piccolo ‘miracolo’».