OPERE PUBBLICHE

Variante Torre de’ Passeri, consegnati i lavori

Interventi anche a Manoppello scalo

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1607

Ruggieri, Testa, Linari

Ruggieri, Testa, Linari

TORRE SE’ PASSERI. Consegnati i lavori per la realizzazione del secondo lotto della strada di variante al centro abitato di Torre de’ Passeri.

Ne parlano con soddisfazione il presidente della Provincia Guerino Testa e l'assessore ai Lavori pubblici Roberto Ruggieri, insieme al sindaco di Torre, Antonello Linari, che è anche consigliere provinciale. Il nuovo tracciato stradale si snoda ad ovest dell'abitato di Torre de’ Passeri ed è finalizzato a collegare la strada provinciale che porta a Pietranico con via Roma. Due i tratti previsti nel progetto: il primo va dalla strada per Pietranico al ponte sul torrente Fossato e il secondo va da questo punto fino a via Roma, per una estensione rispettiva di 427 metri lineari e 365,4 metri, con un'ampiezza di sei metri e mezzo (più banchine da un metro).
«Si tratta di un’opera di fondamentale importanza per Torre de’ Passeri che, su via Roma, consentirà finalmente di superare l’annoso problema dell’attraversamento del passaggio a livello che, di fatto, divide in due il paese, – spiega il primo cittadino di Torre de’ Passeri Antonello Linari - mentre su via San Rocco permetterà di rilanciare le attività del mercato cittadino ora attraversato dalla Provinciale e più in generale delle piazze e del centro storico. Un’opera importante per il paese e per l’intera viabilità del Pescarese, progettata ed avviata dalla precedente amministrazione provinciale e oggi rilanciata, con i lavori per il secondo lotto dalla giunta del presidente Testa».
I lavori relativi a questa gara di appalto, il cui importo complessivo è di un milione e 132 mila euro, riguardano anche il territorio di Manoppello Scalo, in prossimità dell'incrocio stradale tra la provinciale 57 e la Tiburtina in direzione Manoppello Scalo - Rosciano, dove al momento la circolazione è regolata da un semaforo. «Questo impianto – spiega Ruggieri - sarà eliminato, si provvederà ad una diversa regolazione dei flussi ricorrendo all'utilizzo di nuove piattaforme stradali e saranno realizzati i marciapiedi (in betonella), oltre al sistema di smaltimento delle acque bianche, all'impianto di pubblica illuminazione e alla segnaletica. Il tutto per migliorare e mettere in sicurezza l'assetto viario attuale della zona dove si concentrano abitazioni e attività e quindi ci sono anche molti pedoni».