CONSULENZE

Mascia punta ancora sul suo Console. Adesso si infuria pure Rialzati Abruzzo

Pd scrive a Guerri: «rinunci al compenso di 45 mila euro»

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3276

Silvano Console

Silvano Console

PESCARA. In passato era il Pd ad alzare la voce, adesso anche la maggioranza Mascia contro le consulenze assegnate nelle ultime ore.

Silvano Console (ri)comincerà martedì 15 maggio e andrà avanti fino al 15 gennaio 2013. Stipendio mensile: 1.400 euro, iva esclusa. Per cosa? Collaboratore dell’Ufficio di segreteria particolare degli assessor ‘Politiche sociali e sanità.
Ma domani non sarà il ‘primo giorno di scuola’ per l'ennesimo consulente di Mascia dal momento che si tratta di una proroga di un incarico partito a gennaio del 2011 fino a marzo dello stesso anno (corrispettivo mensile 2.100 euro iva inclusa), per poi ripartire il 20 giugno 2011 fino al 19 ottobre (1.680 euro iva inclusa).
Nonostante le contestazioni dell’opposizione (e un esposto alla Corte dei Conti inviato a febbraio scorso firmato da Pd e Idv) la maggioranza insiste, va dritta per la propria strada e ritiene indispensabile questo rinnovo, come si legge nella determina di affidamento firmata dal sindaco in persona che dice sì alla proroga «in ragione delle importanti attività e dei rilevanti compiti che devono essere svolti per il raggiungimento degli obiettivi connessi ai programmi di attività degli assessorati interessati».
Console è stato scelto direttamente da Mascia «visto il curriculum vitae», proprio come le volte precedenti e così come può fare il sindaco. Un curriculum che non avrebbe lasciato spazio a dubbi: laurea in Lettere, iscrizione all’Ordine dei giornalisti, «ha maturato importanti esperienze in campo sociale e sanitario come fondatore e per oltre dieci anni presidente regionale e membro della Direzione nazionale dell’Unione italiana per la lotta alla distrofia muscolare nonché come fondatore e coordinatore del centro abruzzese per le malattie neuromuscolari presso la clinica neurologica dell’Università di Chieti».
«Esprimiamo tutta la nostra contrarietà alla nuova consulenza» denuncia Amedeo Volpe di Rialzati Abruzzo Pescara Futura (che fa capo a Carlo Masci). «Riteniamo che il lavoro assegnato a Silvano Console possa essere effettuato con le competenze già presenti all’interno dell’amministrazione comunale».
Ma secondo l’opinione del sindaco non è così.
«In un periodo di vacche magre come quello che stiamo attraversando Mascia dovrebbe e potrebbe porre più attenzione all’uso delle risorse pubbliche ed evitare gli sperperi. Insomma si chiede un cambio di rotta visto che si continua a percorrere una strada sbagliata, iniziata – lo ricordiamo – con l’assegnazione della consulenza a Bruno Guerri».
E in queste ore sull’incarico affidato a Guerri si focalizza il consigliere Enzo Del Vecchio del Partito Democratico che scrive al diretto interessato che per il secondo anno consecutivo dovrà gestire l’immagine della città. Se la prima volta al professionista il Comune aveva deciso di corrispondere 90 mila euro, per il bis verserà solo 45 mila euro. Perché questa disparità di trattamento economico? Nessuno lo ha mai chiarito.
«Mi permetto di rivolgerle l’invito a rinunciare al compenso che le sarà dovuto in forza di quell’avviso pubblico», scrive Del Vecchio, « un avviso pubblico che sancisce come quella attività che dovrà svolgere risulti essere perfettamente identica a quella svolta nell’anno 2011 e per la quale le fu corrisposto un compenso doppio di quello che, invece, andrà a percepire quest’anno. Mi rendo conto che quanto accaduto non è dipeso dalla sua persona ma solo dalla superficialità del sindaco di Pescara e che, qualora questo invito non dovesse trovare l’attesa sensibilità e condivisione da parte sua, non potrò non interessare la Corte dei Conti per poter accertare, in capo allo stesso sindaco, eventuali responsabilità per danno patrimoniale nei confronti del Comune e quindi dei cittadini di Pescara».
In clima di spending review qualcosa cambierà?
Console è consulente spesso nelle amminstrazioni di centrodestra e viene ricordato per i suoi rapporti con il sindaco di Montesilvano, Cordoma, in quanto regalò il nuovo logo della città così come fece poi con il sindaco Mascia a Pescara. Altri incarichi pubblici dalla amministrazione arrivano anche per alcune società comunque riconducibili allo stesso console.
Determina Console