IL MISTERO

Pescara, forzano la serratura e rovistano in Comune

L’episodio si è consumato tra venerdì notte e sabato

Redazione PdN

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

903

Pescara, forzano la serratura e rovistano in Comune
PESCARA. Hanno forzato la serratura per rovistare tra i fascicoli dell’Ufficio della Dirigente al Personale del Comune di Pescara, poi hanno tagliato la corda.

L’episodio si è consumato tra venerdì notte alla chiusura degli uffici e sabato a Palazzo di Città. Ancora sconosciuti i malviventi e le cause di un simile gesto. I carabinieri hanno avviato indagini e rilevamenti per trovare i responsabili. A dare l’allarme è stata proprio la dirigente al Personale Gabriella Pollio. La donna recatasi in ufficio sabato mattina avrebbe notato segni di effrazione sulla porta divelta dai cardini laterali. La Pollio ha immediatamente allertato una dipendente che occupa l’ufficio comunicante con il suo   che ha detto di aver trovato la porta scardinata .Nell’ufficio sono apparsi subito segni di rovistamento   tra fascicoli e scartoffie.

I Carabinieri sono accorsi sul posto ed hanno cominciato immediatamente  le proprie indagini, con l’ausilio della Scientifica che ha effettuato il rilevamento delle impronte sulle porte scardinate e sugli scaffali. Ci si domanda  che cosa potesse cercare l’intruso, visto che  in quella sede vengono custoditi i fascicoli delle presenze negli uffici e dei procedimenti disciplinari aperti a carico dei dipendenti comunali.

La dirigente sta verificando se tra le cartelle manchi all’appello qualche fascicolo o documento  e sembra che qualche elemento sia emerso. «Stiamo acquisendo anche le immagini delle telecamere interne del Comune», ha dichiarato il sindaco Albore Mascia intervenuto sull’episodio,  «per verificare chi sia entrato e uscito tra venerdì e sabato mattina presto, dunque per accertare l’eventuale presenza di estranei ma siamo certi che a breve i Carabinieri sapranno fare piena luce sulla vicenda».