Domani chiude "Abitare oggi" la rassegna di Lanciano

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

904

LANCIANO. Quali sono le moderne fonti di energia da fonte rinnovabile? Cosa fare per attuare risparmio energetico anche attraverso semplici comportamenti nella vita di tutti i giorni? E’ quello che è stato spiegato questa mattina ad una rappresentanza di alunni della prima media delle scuole di Lanciano che hanno partecipato al convegno “Come diventare produttori di energia” promosso dall’Araen (l’agenzia energetica regionale).
Ai ragazzi, che hanno dimostrato grande interesse all'argomento partecipando attivamente al dibattito, sono state illustrate alcune delle nuove fonti di energia, tra cui quella dei biogas da rifiuti. Iris Flacco, responsabile del servizio energia della Regione Abruzzo, ha coinvolto i bambini in brevi “interviste” in cui ha chiesto loro se sapevano davvero come veniva prodotta l'energia con cui si alimentano gli apparecchi di uso quotidiano, dal televisore al computer, dall'ipod alle consolle per i videogiochi.
E sempre a loro ha spiegato che spegnere ad esempio le spie di accensione degli elettrodomestici permette di ridurre i consumi e le immissioni in atmosfera di sostanze inquinanti, come l'anidride carbonica.
Un'occasione dunque per avvicinare e sensibilizzare anche i più piccoli alla salvaguardia e alla tutela dell'ambiente che ci circonda e quindi educarli a comportamenti rispettosi e più attenti. “Abitare Oggi” continua, quindi, ad offrire, attraverso convegni e tavole rotonde, l'opportunità di discutere e approfondire temi di grande attualità, in linea con il nuovo e annunciato orientamento che è quello di essere un punto di riferimento e momento fondamentale di confronto sulle problematiche legate all'ambiente. Ma le scelte operate dalla dirigenza di Lancianofiera non hanno mortificato la parte espositiva che pur risultando diversa dalle precedenti edizioni, conserva peculiarità e caratteristiche capaci di attirare e incuriosire i visitatori.
Lavori artigianali la cui bellezza è davvero senza tempo, opere in rame e terracotta, arredo bagno e articoli dal raffinato design, mobili della cosiddetta “arte povera”, oltre ai prestigiosi pezzi di antiquariato proposti da mercanti d'arte arrivati da tutt'Italia, specialmente da Roma. Non mancano gli infissi, le porte, i sistemi di allarme e di impiantistica, nonché gli arredi per giardini e terrazze.
La rassegna si conclude domani sera. Alle 11.00 si svolgerà la premiazione dei ragazzi del Centro aggregazione Sant'Onofrio – che si occupa di assistenza al disagio mentale – che hanno presentato in fiera una serie di lavori in rame, in terracotta e tovaglie ricamate realizzati nel corso delle loro attività.

12/05/2007 12.33