Ugl: «Transcom non ha pagato il premio di risultato aziendale»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

952

L'AQUILA. «Continua l'atteggiamento scorretto Del call center Transcom che non ha corrisposto ai lavoratori aquilani i 147 euro previsti nella busta paga di aprile».
La denuncia arriva dall'Ugl che spiega come l'accordo stabilito non sia stato rispettato, dopo aver interrotto le trattative a livello nazionale ed aver rifiutato la proposta di stabilizzazione dei precari avanzata che avrebbe comportato per l'azienda un risparmio di sei milioni di euro per il prossimo triennio, L'iniziativa dell'azienda secondo il sindacato è «illegittima» e sarebbe stata presa «senza alcuna comunicazione preventiva ai sindacati, nè ai lavoratori e dimostra, se mai ce ne fosse ancora bisogno, la scarsissima considerazione e l'inesistenza di rispetto che Transcom ripone nei confronti del personale del sito aquilano».
L'Ugl ha allertato l'ufficio legale «e non escludiamo», dicono i portavoce, «l'adozione di misure estreme qualora l'azienda non provvedesse a riconoscere ai lavoratori le legittime spettanze sottratte.
«Si sta davvero esagerando», ha commentato Pietro Di Stefano (Ds).
«Beffare i lavoratori già provati dai contratti precari, minacce di tagli occupazionali e non ben identificate trasformazioni di contratti a tutto svantaggio dei dipendenti, è naturalmente ingiusto».
«Bisogna porre un freno all'arroganza delle aziende che usano i territori svantaggiati come terreni fertili dell'assistenzialismo per poi perseguire solo speculazioni finanziarie».


11/05/2007 12.33