Parte la riqualificazione del Palatricalle

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

554

CHIETI. Palatricalle nuovo di zecca? A leggere la lista di lavori da fare sembrerebbe quasi di sì. Gli interventi comporteranno il rifacimento dell'intero parquet, la realizzazione dell'impianto di condizionamento e di riscaldamento, la realizzazione di quattro spogliatoi per atleti e due per gli arbitri, la sistemazione esterna, l'isolamento della copertura, di una sala vip e della sala stampa, che sarà dotata di dieci computer e trenta linee in uscita.
Una intera riqualificazione del Palatricalle, in vista dei campionati europei di basket femminile del prossimo settembre che costerà circa
3,6 milioni di euro tra fondi messi a disposizione dalla Regione Abruzzo, da Comune e Provincia di Chieti e dal Comitato organizzatore degli europei.
I lavori saranno consegnati la prossima settimana, dopo un lungo periodo di attesa che ha visto arrivare al palazzo della Procura un esposto della minoranza per alcune festicciole, a quanto pare non autorizzate, che si sono tenute all'interno della struttura «L'intervento principale», ha spiegato l'assessore comunale ai Lavori pubblici, Luigi Febo, «riguarderà l'ampliamento del parterre, che passerà dagli attuali metri 20,88 per 35 a 25 per 39, come richiede Fiba Europe».
Gli stessi parametri sono necessari per lo svolgimento di altre discipline quali pallavolo, pallamano e calcio a 5. L'intervento però, porterà ad una riduzione della capienza. Si passerà così dagli attuali 3.500 posti a 2.400 che potranno diventare 2.700 per la gare di pallacanestro con l'utilizzo di tribune telescopiche.
Il primo lotto dei lavori - importo oltre 2 milioni di euro - é stato aggiudicato alla Costruzioni Pannozzo di Sora (Frosinone). Il secondo lotto, per il rifacimento delle vetrate dell'impianto, è stato aggiudicato per 350 mila euro alla ditta Dmd di Chieti. Un terzo lotto di interventi, che comprende le finiture architettoniche e il completamento delle vetrate, dovrebbe partire a metà giugno.
L'appalto prevede una penalità e un premio di 1.500 euro ciascuna, per ogni giorno di ritardo o di anticipo nella riconsegna dei lavori.
Nei giorni scorsi i lavori di riqualificazione sono stati al centro di accese polemiche della minoranza che ha fatto partire anche un esposto alla magistratura per verificare come mai all'interno del Palatricalle, interdetto da 20 mesi alle attività sportive, si siano tenute alcune feste private, senza nessuna autorizzazione o delibera di Giunta.

03/05/2007 10.03