Il 75% degli incidenti domestici infantili è dovuto a cadute

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

521

LA RICERCA. Il 75% degli incidenti domestici infantili è dovuto alle cadute, tra le cause: passeggini, seggiolini e fasciatoi poco sicuri, tanto che dai dati elaborati su un campione di ricoveri infantili dell’ospedale Gaslini emerge che l’8,3% sono dovuti a cadute dalla culla, dal fasciatolo e dal passeggino. Inoltre, segnalazioni che arrivano dalla Commissione Europea attestano che su sei fasciatoi ritirati dal mercato perché pericolosi, cinque sono italiani.
E di questi articoli molti appartengono a grandi marchi generalmente sinonimo di qualità e sicurezza.
«Un dato allarmante- afferma il Segretario nazionale dell'associazione Codici, Ivano Giacomelli – soprattutto in riferimento al fatto che, mentre per i giocattoli esistono specifiche direttive europee in materia di sicurezza, per fasciatoi, passeggini e seggiolini le norme sono volontarie».
Infatti, secondo quanto emerge da una documentazione del Codici in materia, è l'UNI, Ente Nazionale Italiano di Unificazione, che elabora le norme – ovvero gli standard tecnici - validi a livello nazionale e che recepisce le norme elaborate a livello europeo (norme Uni-En) che i produttori possono decidere volontariamente di seguire nella produzione.
La certificazione, a differenza di quanto avviene nei giocattoli, è pertanto volontaria, garantendo comunque che il prodotto è stato testato da un laboratorio indipendente e ed è conforme alle norme Uni sulla sicurezza.
«Come associazione che tutela i diritti del cittadino», ha aggiunto il segretario, «ci chiediamo se e quanto tutto questo garantisca a sufficienza la sicurezza dei consumatori che ovviamente, per l'acquisto degli articoli per la puericultura, sceglie il marchio».

I CONSIGLI PE RUNA SPESA PIU' SICURA

1. Assicurarsi che sia marcato con le seguenti informazioni:
• numero della norma (EN 14988-1)
• nome o logo del fabbricante, distributore, importatore o venditore
• la dicitura “Attenzione non lasciare il bambino incustodito”.
2. Il seggiolone dovrà essere corredato dalle istruzioni per l'uso e il montaggio redatte nella lingua ufficiale del Paese nel quale viene venduto.

3. La norma UNI EN 14988-2 stabilisce che, al seggiolone, completamente montato e correttamente posizionato, venga applicata verticalmente una forza di 150 N ad una distanza di 14 cm verso l'esterno calcolata partendo dal centro dello schienale.

26/04/2007 14.13