Lotto Zero, incontro in Provincia tra Cogel e sindacati

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

752

TERAMO. Ieri, in Provincia, si è svolto un incontro tra la Cogel Spa e i sindacati per esaminare la vertenza relativa ai lavori del Lotto Zero, a Teramo. Le unità impegnate nel completamento della variante sono attualmente 45.
All'esame delle parti, nella riunione protrattasi fino al pomeriggio, il rallentamento dei lavori collegato ai ritardi nel pagamento degli stati di avanzamento da parte dell'Anas, un problema che interessa altre opere pubbliche nel territorio italiano.
Sul punto l'azienda, pur in presenza delle difficoltà legate ai ritardi nel pagamento, ha comunicato che potrebbe esserci una significativa ripresa produttiva entro l'estate. Si è inoltre parlato della possibilità di ottenere, alla fine dei lavori, la dichiarazione dello stato di crisi per termine di opera pubblica da parte del Ministero del lavoro. Questa prevede 27 mesi di disoccupazione speciale e sgravi per le aziende che assumeranno i lavoratori fuoriusciti. Azienda e sindacati hanno infine discusso l'eventuale riassorbimento di una decina di dipendenti licenziati.
Al termine dell'incontro le posizioni delle parti sono rimaste fortemente distanti. In considerazione della valenza strategica dell'opera pubblica ed al fine di evitare che la controversia abbia esiti negativi, la Provincia ha invitato azienda e sindacati a riesaminare separatamente le proprie posizioni, fissando una nuova riunione per il 24 aprile, alle ore 10, sempre nella sede dell'ente. In quell'occasione, se le parti non troveranno una soluzione, sarà sottoscritto un verbale di mancato accordo.
«Seguiamo con la massima attenzione l'evolversi della vertenza – è il commento dell'assessore al Lavoro Francesco Zoila – soprattutto in relazione ai riflessi che la stessa potrebbe avere sull'iter dei lavori di completamento di un'arteria viaria da considerarsi strategica per la città di Teramo. Ci preoccupa inoltre il futuro delle maestranze, per le quali stiamo facendo il possibile al fine di ottenere i benefici collegati alla dichiarazione dello stato di crisi per termine di opera pubblica. Il nostro auspicio, quindi, è che le parti trovino l'accordo».
All'incontro, coordinato dal responsabile del servizio relazioni industriali Paolo Rota, sono intervenuti i rappresentanti della Cogel SpA, nelle persone del direttore tecnico Fabio Aldovrandi e del direttore di cantiere Pietro Panza, assistiti dal consulente Bruno Brunelli; la RSU aziendale assistita da Amedeo Marcattili per la FILLEA-CGIL, Giovanni Signorile per la FENEAL-UIL e Giancarlo De Sanctis per la FILCA-CISL.


20/04/2007 8.35