Le mille domande senza risposta sul Villaggio per i Giochi del Mediterraneo

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1750

CHIETI. Il Consiglio comunale di Chieti ha approvato l’altro giorno con 21 voti a favore della maggioranza di centrosinistra (la minoranza non ha partecipato alla votazione) il nuovo Prusst "La città lineare della costa" che sancisce il definitivo via libera alla realizzazione del Villaggio dei Giochi del Mediterraneo di Pescara 2009. Il prossimo 12 aprile ci sarà la cerimonia ufficiale di posa della prima pietra. I lavori dovranno essere riconsegnati a marzo 2009.
L'assessore all'urbanistica, Valter De Cesare, ha sostenuto che «il Villaggio costituisce un'occasione d'oro per la città per un corretto sviluppo urbanistico e per dotare la vasta area di via dei Vestini, su cui insiste l'opera, di una serie di infrastrutture a beneficio del polo universitario e del polo sanitario e dell'intero capoluogo».
Ma in una seduta di consiglio molto animata e con non pochi distinguo all'interno della maggioranza su una delibera che proponeva il regolamento dei Centri sociali, non si sarebbe posta la dovuta attenzione ad argomenti inerenti l'ennesima variante al Prusst.
Così ci sarebbe ora il rischio anche di veder sorgere un Autogrill nella zona.
«Nessuno ha colto, o riportato le gravi perplessità tecniche già espresse dal sottoscritto sia nella seduta di Commissione Urbanistica tenutasi il 26 marzo 2007, alle quali non è stata data alcuna esaustiva risposta , le stesse, ripetute in seduta consiliare, sono state elusivamente ignorate», ha spiegato Mario Colantonio (An, consigliere comunale che da sempre ha studiato ogni carta del futuro Villaggio.
«Tenuto conto che nella Legge Regionale n.43 del 4/12/2007, all'articolo 5 vengono presupposti finanziamenti pubblici per le opere di interesse generale previste nell'area e nel successivo articolo 8, si stabiliscono interventi finanziari per l'intera manifestazione (non esclusivamente per il Villaggio) pari ad € 5.450.000,00 per l'anno 2007, chiedevo una risposta a questi quesiti», ha spiegato ancora Colantonio, «essendo previsti onerosi interventi economici, per realizzare le opere pubbliche presenti essenziali per l'Area del Villaggio Giochi, quantificate per alcuni in 8 milioni di euro e per altri in 12 milioni di euro, considerando insufficienti e non specificati i beneficiari del finanziamento regionale specifico: chi pagherà la realizzazione dell'interramento di Via dei Vestini con la creazione della galleria ? Chi pagherà la realizzazione del tracciato viario previsto (con larghezza pari ad una autostrada) lungo circa 2000 metri? Chi pagherà il necessario potenziamento della rete idrica , già in forte crisi per la Zona dello Scalo, tenuto conto che dovranno essere alimentate strutture per un insediamento permanente di 5000 persone?».

Inoltre secondo Colantonio nella documentazione non vi sarebbero specifiche su chi dovrà pagare persino le strutture sportive e collettive previste nell'area, così come i potenziamenti viari in entrata ed in uscita dall'area Villaggio, connessi alla previsione di realizzazioni di rondò ed altro oppure non si sa chi pagherà tutto ciò che sarà necessario per rendere l'area fruibile ai futuri insediati ed alla cittadinanza, parcheggi, aree verdi, accessori pubblici ecc.
«Per tutto questo, tengo a precisare», ha spiegato il consigliere di An, «non basteranno né 5, né 8 e né 12 milioni di euro, occorreranno molti più soldi. E mentre il sindaco e l'assessore De Cesare, continuano a presentare alla cittadinanza il Villaggio Giochi, mi chiedo quale sarà il beneficio concreto e diretto della collettività derivante da questa realizzazione? Le convenzioni esistono? Gli impegni e le coperture finanziarie ci sono? Come mai queste risposte non sono state date al Consiglio Comunale anche se proposte dall'opposizione di centro-destra?».


04/04/2007 14.55

[url=http://www.primadanoi.it/search.php?query=villaggio+mediterraneo&mid=6&action=showall&andor=AND]TUTTO SUL VILLAGGIO MEDITERRANEO[/url]