Il Consiglio dell’Ordine sospende per sei mesi l’ex direttore del Centro

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2107

L'AQUILA. Sei mesi di sospensione dall'esercizio professionale per l'ex direttore del Centro, Antonio Del Giudice, semplice avvertimento invece per il redattore Maurizio Piccinino. E' quanto ha stabilito nella sessione di ieri il Consiglio dell'ordine regionale dei giornalisti presieduto da Stefano Pallotta.
«La sospensione dall'esercizio professionale», recita la legge 3 febbraio 1963, numero 69 articolo 54 «può essere inflitta nei casi in cui l'iscritto con la sua condotta abbia compromesso la dignità professionale».
L'avvertimento invece (articolo 53) «è da infliggere nei casi di abusi o mancanze di lieve entità, consiste nel rilievo della mancanza commessa e nel richiamo del giornalista all'osservanza dei suoi doveri. L'avvertimento», si legge ancora, «è rivolto oralmente dal Presidente e se ne redige verbale sottoscritto anche dal segretario. Entro i trenta giorni successivi, il giornalista al quale è stato rivolto l'avvertimento può chiedere di essere sottoposto a procedimento disciplinare».
Il provvedimento disciplinare era stato aperto dopo che la Procura di Pescara -nell'ambito delle indagini sulla Fira- aveva informato l'Ordine dei giornalisti che «Giancarlo Masciarelli si manteneva in costante contatto», scrisse all'epoca dei fatti il Gip Guido Campli «con Antonio Del Giudice, allora il direttore del Centro, quotidiano del gruppo l'Espresso e di gran lunga il più letto della regione, e con lui si intratteneva in conversazioni prolungate da cellulare a cellulare in almeno un caso avrebbe concordato la linea dell'articolo del giorno dopo inerente le prime perquisizioni alla Fira.
Secondo il Gip «di rilievo anche la telefonata con il redattore Maurizio Piccinino», nell' agosto 2006, «che appare in posizione di netta subordinazione tanto da correggere addirittura, sotto la dettatura di Masciarelli, il proprio articolo in via di pubblicazione l'indomani mattina». Qualche settimana dopo la notizia (riportata per prima dal nostro quotidiano) il direttore Del Giudice lasciò la direzione del quotidiano «per andare in pensione», così come disse lui stesso nell'ultimo editoriale di saluto.


LA NOTIZIA DI QUEI GIORNI
 

22/03/2007 14.11