Benvenuto bebè, il Comune apre il conto in banca e regala doni al piccolo

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1010

RAPINO. Le difficili contingenze economiche in cui si trovano a vivere gli italiani negli ultimi anni fa sì che un bambino, appena nato, abbia già un debito: i bambini che nascono a Rapino, invece, si trovano "in attivo". Il "benefattore" in questione non è un ricco zio d’America, ma il Comune di Rapino, che ha promosso una iniziativa in favore delle famiglie. Un conto corrente bancario, e buoni sconti alla farmacia del paese e nel negozio dell’infanzia ed il primo libro da guardare e sfogliare.
Il sindaco Rocco Micucci e l'assessore alle politiche sociali Sandra Amoroso hanno incontrato i genitori dei nuovi nati per consegnare loro il “kit di benvenuto”.
Il progetto, realizzato grazie ad una convenzione condivisa con alcuni esercizi commerciali e con la filiale Carichieti di Rapino, «non vuole essere una soluzione al problema demografico», dicono gli amministratori, «ma intende ribadire che al centro dell'azione amministrativa del Comune di Rapino c'è la famiglia, fondamento e punto di riferimento della comunità».
Grande entusiasmo da parte dei neo-genitori.
Nel kit, oltre ad una lettera in cui sindaco ed assessore illustrano il progetto e ricordano anche tutti gli altri servizi per la crescita e la formazione del bambino già attivi a Rapino, quali il nido d'infanzia, la ludoteca e la biblioteca, si possono trovare una serie di doni.
Così è stato preparato preparato un libretto bancario intestato al bambino, con un deposito di 250 euro vincolati per due anni, per educare il nascituro al risparmio.
Ancora, un buono acquisto di 100 euro spendibili in qualsiasi momento nella farmacia del paese e un buono di 50 euro da utilizzare per l'acquisto di prodotti per l'abbigliamento dei bambini.
Infine, grazie alla partecipazione della Biblioteca Comunale di Rapino al progetto, è stato inserito nel kit anche un simpatico libro della sezione “Nati per leggere”, perché leggere ai bambini sin dai primi anni di vita contribuisce allo sviluppo delle capacità cognitive e relazionali del fanciullo.

22/03/2007 10.43