Camera di commercio: consiglio e mercati da allargare

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

777

PESCARA. Si è conclusa ieri la prima sessione allargata del Consiglio della Camera di Commercio di Pescara. Sono intervenuti accanto ai membri del Consiglio i rappresentanti di buona parte delle Associazioni di Categoria della provincia nonché i vertici della sede pescarese della Banca d’Italia e dei principali Istituti di Credito operanti nella provincia.
«L'incontro», spiegano dalla Camera di Commercio di Pescara, «è stato concepito per il raggiungimento di un duplice scopo nei confronti dei protagonisti del sistema produttivo locale. Da un lato dare adeguata visibilità alle azioni mirate alla promozione dell'internazionalizzazione già messe in cantiere, dall'altro mostrare piena disponibilità a definire le future strategie di sostegno all'esportazione su base concertata e condivisa».
Il Presidente Ezio Ardizzi, nel corso del suo intervento, ha, infatti, annunciato che l'Ente Camerale, per consentire una partecipazione sistematica delle Associazioni di Categoria nella formulazione delle politiche di supporto all'esportazione delle imprese provinciali, predisporrà due Consigli allargati all'anno.
«Il primo», ha spiegato Ardizzi, «da tenersi nel periodo di ottobre-novembre, servirà per esaminare e verificare la fattibilità e l'efficacia delle proposte giunte dalle Associazioni nonché per stilare, sulla base di un confronto dialettico Ente Camerale-Imprese, il futuro piano di promozione. Il secondo appuntamento previsto, invece, nel periodo marzo-aprile vedrà l'illustrazione dettagliata del piano di promozione approvato e l'analisi dei risultati raggiunti».

IL PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE

Nel corso dei lavori dopo una breve illustrazione dei dati relativi all'apertura ai mercati internazionali delle nostre imprese, è stata presentata una dettagliata disamina delle linee guida adottate nella formulazione del piano di internazionalizzazione, degli strumenti di promozione utilizzati e delle azioni programmate suddivise per aree geografiche d'interesse.
Il piano prevede alcune fasi. La prima quella di ieri, la seconda invece caratterizzata dall'analisi dei contesti e selezione degli operatori dei singoli paesi divisi per aree che avrà luogo dal mese di maggio 2007 sino a luglio 2007.
La fase 3 “Formazione, creazione dei pacchetti per area e loro selezione” inizierà nel mese di agosto 2007 e terminerà nel mese di gennaio 2008.
Ultimata l'attività di formazione, gli operatori turistici, provvisti del know-how necessario provvederanno all'elaborazione dei pacchetti turistici.
Il personale tecnico, in particolare il Gruppo di Pilotaggio, coadiuverà gli operatori nella valutazione dei pacchetti, individuando quelli più vantaggiosi e adeguati al mercato italiano.
La fase 4 “Promozione delle offerte turistiche” sarà avviata a dicembre 2007 ed ultimata nel mese di marzo 2008.
La fase prevede l'individuazione di imprenditori italiani che intendano intessere rapporti commerciali con le aree oggetto di intervento. La ricerca e selezione delle imprese sarà effettuata dagli Enti Camerali italiani partner e dalle Associazioni di categoria a livello nazionale anche tramite un'adeguata pubblicità dell'evento a mezzo stampa e utilizzando i canali di comunicazione istituzionali.
La fase 5 “Monitoraggio” coprirà l'intera durata del progetto da marzo 2007 a marzo 2008.
La Camera di Commercio di Pescara, in qualità di ente promotore, come da prescrizione ministeriale, redigerà trimestralmente una dettagliata relazione sullo stato di attuazione del progetto che comprenderà sia una rendicontazione delle spese sostenute che un'accurata descrizione dei risultati raggiunti.
Tali relazioni saranno compilate sulla base dei rapporti, anch'essi trimestrali, provenienti da ciascuno dei partner del progetto.

16/03/2007 8.30

LEGGI IL DOCUMENTO INTEGRALE DEL PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE