Tenta di rivendere on line una moto rubata, arrestato

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

923

MONTESILVANO. Ha tentato di rivendere su internet una moto, del valore di 20mila euro. I carabinieri lo hanno incastrato grazie ad una segnalazione di uno sfortunato acquirente che pensava di recuperare la sua moto rubata a febbraio. In realtà era un modello identico, sottratto illecitamente però ad un altro sfortunato motociclista di Giulianova.
E' finito in manette con l'accusa di ricettazione Valerio Rito, un cameriere 33enne di Montesilvano, originario di Roma, pregiudicato. E'
stato inoltre denunciato in stato di libertà il suo complice M.I. di
32 anni di Silvi Marina, disoccupato.
I due avevano raggiunto l'accordo di vendere ad un privato una moto Benelli Tornado del valore di circa 20mila euro, precedentemente rubata.
La segnalazione ai carabinieri è arrivata da un motociclista, proprietario di una Benelli Tornado rossa e una Aprilia Tuono nera.
Tutti e due i motocicli gli sono stati rubati a Pescara, lungo la riviera, nei primi giorni del mese di febbraio scorso.
L'appassionato centauro derubato, nel tentativo di recuperare i suoi veicoli, ha messo un annuncio su internet ed è stato contattato da una persona che stava cercando di "piazzare" pezzi di una Benelli identica a quella rubata. L'uomo ha cominciato così, avvertendo i carabinieri, una lunga trattativa con i malfattori, credendo di riuscire a recuperare la merce di cui era proprietario.
I militari hanno effettuato una serie di servizi di appostamento ed osservazione.
Dapprima è stata concordata la cessione della Benelli Tornado rossa smontata e privata del telaio con prezzo pattuito di 4mila euro a fronte del valore commerciale di circa euro 18mila.
L'accordo prevedeva un ulteriore incontro, per visionare il mezzo oggetto della trattativa, che é stato tenuto ieri sera presso un ristorante.
Al momento opportuno i carabinieri in borghese sono intervenuti identificando i due e accertando che il motociclo risultava provento di furto.
Ma è stato scoperto che la moto che si stava tentando di vendere non era quella rubata all'acquirente ma una moto che era stata rubata lo scorso mese di gennaio a Giulianova (TE).
Per Rito sono scattate le manette e questa mattina verrà giudicato per direttissima.

08/03/2007 9.40