Ad Atri l’inaugurazione dei nuovi locali del Centro dialisi

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1652

ATRI. Sarà inaugurato il prossimo 8 marzo alle 11 il Centro dialisi rinnovato nelle strutture e negli ambienti dell’ospedale “San Liberatore “ di Atri, in occasione della “ Giornata Mondiale del rene”. Sempre giovedì 8 marzo, per la “ Giornata Mondiale del rene”, gli specialisti nefrologi ed infermieri del reparto dell’ospedale Mazzini saranno presenti in Piazza Martiri a Teramo dove sarà allestito uno stand e si daranno informazioni sulle patologie renali.
Nella settimana successiva, dal 12 al 17 marzo, dalle ore 10,00 alle 14,00, proseguirà l'iniziativa “Nefrologia aperta” con valutazione, nei soggetti a rischio, della funzione renale e dei segni iniziali di danno renale.In Italia l'incidenza dell'insufficienza renale cronica è di 169 pazienti per milione di abitanti l'anno, con una prevalenza stimabile fra 3 e 5.000.000 di individui, mentre i pazienti in terapia sostitutiva sono circa 60.000.
Nel pacchetto di manifestazioni, infine, venerdì 9 marzo 2007 è in programma il corso “Aggiornamenti in Nefrologia clinica”, iniziativa formativa che si terrà a partire dalle ore 9,00 presso l'aula convegni dell' ospedale di Teramo.
L'obiettivo del corso è quello di aggiornare medici ed infermieri sulle recenti conoscenze-acquisizioni in tema di prevenzione della progressione dell'insufficienza renale cronica e delle complicanze cardiovascolari nel paziente neuropatico, e sulle novità riguardo la terapia dell'osteodistrofia uremica e della nefropatia diabetica.
Il convegno giunto alla settima edizione è articolato in quattro sessioni, seguite da una tavola rotonda incentrata sul problema dell'ipertensione arteriosa nei pazienti in trattamento dialitico. Nell'ambito del convegno sarà assegnata la seconda borsa di studio “ Francesco Tondo”, istituita dall'Associazione Nefrologia Iteramnia.
La borsa in memoria di Francesco Tondo, che ha dedicato tutta la sua vita professionale al reparto di nefrologia e dialisi del “ Mazzini”, garantirà ai pazienti, seppur per un periodo limitato, un'unità medica aggiuntiva e consentirà ad un giovane nefrologo di approfondire sul campo le sue conoscenze specifiche

06/03/2007 12.56