Botteghe scuola, nuovo bando della Provincia dell’Aquila

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1194

L’AQUILA. Anche quest’anno saranno attivati i corsi di formazione professionale nel settore dell’artigianato nell’ambito del progetto denominato “botteghe scuola”. Il bando per il 2007 è già stato pubblicato all’Albo Pretorio ed è consultabile anche sul sito della Provincia all’indirizzo web www.provincia.laquila.it.

Con il progetto di Bottega Scuola, i giovani che ne fanno richiesta, verranno inseriti in un'impresa artigiana per svolgere un tirocinio formativo e apprendere sul campo un mestiere.
Si tratta di un apprendistato, della durata di tre anni, al termine del quale i ragazzi otterranno una qualifica valida per l'inserimento nel mondo del lavoro sia dipendente che in proprio.
Diversi i settori interessati, dalla lavorazione del cuoio o dei pellami a quella del legno o dei metalli, dalla fotografia alla riproduzione dei disegni e pittura, dai servizi di parrucchieria a quelli di estetista, dalla lavorazione di strumenti musicali al ricamo.
Durante il triennio gli allievi riceveranno un contributo di oltre 400 Euro mensili, liquidati semestralmente.
Il primo anno l'indennizzo sarà totalmente a carico della Provincia, il secondo anno sarà per il 50% a carico della Provincia e per il restante 50% a carico dell'impresa, il terzo anno il 35% verrà erogato dalla Provincia, il 65% dall'impresa artigiana.
Le imprese che intendono aderire hanno tempo per le domande fino al 31 marzo; per gli aspiranti apprendisti in termine delle domande è invece il 30 giugno.
La Presidente Pezzopane pone l'accento sul numero sempre crescente di domande a testimonianza dell'efficacia del progetto che “ ha già avviato con successo molti giovani al lavoro nel campo dell'artigianato e portato ossigeno anche nelle piccole imprese che hanno potuto dotarsi di un aiuto a costi sostenibili. Un reciproco vantaggio che nasce da esigenze reali di domanda e offerta e il più delle volte sfocia in contratti duraturi e proficue esperienze collaborative”.
«Uno strumento che andrebbe potenziato» per l'Assessore alle Attività Produttive Luca Angelini «per soddisfare tutte le richieste che purtroppo restano inevase. Per questo da tempo abbiamo chiesto alla Regione il trasferimento della delega, per poter gestire il progetto in tutte le sue fasi, dalla scelta delle tipologie artigiane, agli stanziamenti economici, alle modalità di accesso».

05/03/2007 17.43