Abuso edilizio, sequestrato terreno tratturale a Lanciano

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1547

LANCIANO. La forestale dei Comandi Stazione di Ortona e Lanciano ha sequestrato un terreno tratturale in località "Iconicella".


E' stato inoltre segnalato alla Procura della Repubblica F. A., quarantaseienne committente, e F. L., cinquantatreenne progettista e direttore dei lavori, entrambi del posto, per abuso edilizio e danneggiamento al patrimonio archeologico, storico o artistico nazionale.
Le indagini, partite da un controllo sul territorio, hanno permesso di accertare che sull'area sequestrata erano state realizzate opere in difformità dal provvedimento conclusivo dello Sportello Unico per le Attività Produttive di S. Maria Imbaro.
Infatti, il committente era stato autorizzato dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici di Chieti e dalla Regione Abruzzo alla sola installazione di un chiosco mobile su ruote, con la prescrizione di non poter effettuare altre opere di alcun genere, mentre erano già stati realizzati, in totale difformità: una piattaforma in calcestruzzo, di circa 30 m2, per l'installazione di un chiosco, già fissato sul terreno, e di due bagni, ancora da realizzare.
Altri otto basamenti in cemento per installare una struttura metallica di copertura, di altezza variabile da 2 a 3,50 m circa; un impianto di illuminazione con cinque punti luce e relativi alloggiamenti dei pali di sostegno delle luci; una fognatura con due pozzetti di ispezione ancora da collegare alla rete fognaria comunale; un piazzale in pietrisco di circa 1.100 m2, opportunamente compattato e livellato, per uno spessore circa 30 centimetri, ancora delimitato con recinzione da cantiere.
Tali opere non erano previste nel provvedimento autorizzatorio per cui, al fine di interrompere l'attività abusiva, i Forestali hanno provveduto, alla presenza del legale di fiducia degli indagati, al sequestro preventivo dell'area e delle opere gia' realizzate.
10/04/10 12.34