A Casalanguida si torna a votare. «Elezione illegittima»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

4244

CASALANGUIDA. Colpo di scena dopo quasi un anno dalle elezione: bisogna tornare a votare.


Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale - Sezione Quinta - ha accolto l'appello dell' avvocato Andrea Ricotta, candidato sindaco con le liste "La Fontana" e "Uniti per Casalanguida", patrocinato dall'avvocato Diego De Carolis, e, in riforma della sentenza del TAR di Pescara, ha annullato le liste aggiuntive e le successive operazioni elettorali.
E' stato annullato anche il verbale di proclamazione degli eletti alle cariche di sindaco e di consigliere comunale nelle elezioni del 6 e 7 giugno 2009.
«Nino Santovito non è più sindaco, anzi lo e' stato abusivamente in questi mesi», ha dichiarato Andrea Ricotta, già sindaco dal 1995 al 2004.
«Esprimo tutta la mia soddisfazione perchè e' stata fatta giustizia. Ringrazio l'amico e concittadino Tonino Menna, Consigliere regionale dell'Udc, che ha fortemente voluto il ricorso, che ha individuato le irregolarità e le violazioni di legge, ci ha creduto e ci ha portati alla sentenza favorevole fino al Consiglio di Stato per la giustizia e la trasparenza e il ripristino della legalita'». Nelle elezioni di giugno 2009 avevano votato 24 cittadini comunitari per lo più romeni, iscritti in liste aggiunte mai trasmesse alla Ceci (Commissione Elettorale Circondariale) per l'approvazione e quindi di fatto irregolari ed illegittime: ora si attendono le motivazioni dei Giudici.
Da subito sarà nominato un Commissario Prefettizio e si tornerà alle urne nel primo turno utile.
01/04/10 13.48