Abbandonò l’amico ferito che morì dissanguato: condannato a 10 anni

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

4414

LANCIANO. Il gup del tribunale di Lanciano, Massimo Canosa, ha condannato questa mattina a 10 anni di reclusione Vincenzo Sfirri, 28 anni di Atessa.
E' accusato dell'omicidio di Angelo Marcucci, il barista di 27 anni di Atessa, trovato senza vita nella sua auto parcheggiata davanti all'abitazione dei genitori all'alba dell'11 gennaio dello scorso anno.
Sfirri, giudicato con il rito abbreviato, era accusato di omicidio colposo, calunnia e omissione di soccorso.
Il pubblico ministero Rosaria Vecchi aveva chiesto per lui la condanna a 3 anni e mezzo di reclusione.
I sospetti per la morte del barista di Atessa per giorni si concentrarono su un giovane di Montazzoli con cui la vittima aveva avuto un diverbio la sera precedente il ritrovamento del cadavere.
Ed era stato lo stesso Sfirri ad indicare nel ragazzo - che fini' in carcere - l'autore della feroce aggressione in cui Marcucci rimase ucciso.
In realta' Sfirri si era inventato tutto per coprire un incidente: Angelo Marcucci, probabilmente a causa di un malore, si era sporto dal finestrino dell'auto in corsa su cui viaggiava e alla cui guida si trovava Sfirri, andando a sbattere violentemente il cranio sul tronco di un albero che si trovava sul ciglio della carreggiata. L'amico, invece, di portarlo in ospedale, lo abbandono' in macchina sotto casa dei genitori ed ando' a dormire.
31/03/2010 14.22


* TUTTO SULLA TRAGEDIA DI ATESSA