Pescara Vecchia, la movida in tenuta anti sommossa dopo l'aggressione

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

4702

PESCARA. E' cominciato ieri sera il lungo fine settimana di divertimento tra i locali di Pescara Vecchia.

PESCARA. E' cominciato ieri sera il lungo fine settimana di divertimento tra i locali di Pescara Vecchia. Ma saranno sicuramente tre giorni diversi dal normale per quanti affolleranno via delle Caserme e corso Manthonè, che saranno insolitamente controllate da polizia, vigili urbani, carabinieri e finanza.
Gli uomini delle forze dell'ordine sono entrati in azione già ieri sera tra la curiosità di quanti hanno visto gli uomini in divisa aggirarsi nella zona.
Si è partiti alle 21 fino alle 4 con due uomini della Polizia di Stato, due Carabinieri e cinque Baschi Verdi della Finanza.
Ma stasera i controlli saranno ulteriormente intensificati perchè come ogni sabato l'affluenza di giovani avventori è destinata a crescere: la questura ha disposto il servizio di 10 uomini del Reparto Mobile, due Carabinieri, due militari della Guardia di Finanza, un'unità operativa della Polizia stradale che effettuerà i controlli con l'etilometro, e tre unità operative della Polizia municipale.
Questi ultimi effettueranno servizi di viabilità e traffico, per prevenire la sosta delle auto nei punti più pericolosi, specie a ridosso del Ponte Risorgimento.
«Tali servizi – ha annunciato il sindaco Albore Mascia – verranno integrati dalle guardie giurate della vigilanza privata fornite direttamente dagli operatori del centro storico e, ancora, dall'istituzione, da parte dell'amministrazione comunale, anche di bus navetta gratuiti per i passeggeri che garantiranno i collegamenti tra il parcheggio delle aree di risulta e lo stesso centro storico, dalla mezzanotte alle 3».
La scelta di lasciare aperti i locali il venerdì e il sabato sera sino alle 4, ha spiegato sempre il primo cittadino, è stata dettata «solo dal buon senso collegato a paletti fissi che, oltre a ribadire le norme nazionali, come il divieto di somministrare alcol ai minori e a tutti i cittadini dopo le 2, hanno introdotto anche il divieto di vendere bibite da asporto in confezioni di vetro dopo le 23.30».
“Il questore – ha ufficializzato il sindaco Albore Mascia –
Ma protesta Forza Nuova che nei giorni scorsi aveva chiesto la chiusura per almeno quindici giorni degli esercizi del centro storico di Pescara: «né il Comitato per l'Ordine pubblico, né in autonomia il Comune e gli operatori di Pescara vecchia hanno inteso seguire una linea di intransigenza, di coraggio e di esemplarità».
Per il partito di estrema destra «le misure adottate sono illogicamente “neutre”, dimostrano manchevole coraggio, seguono il solito sconcertante percorso che di fatto rimanda ai singoli onesti cittadini di Pescara tutti gli oneri e le conseguenze di questo ennesimo sconcertante fatto di cronaca nera».

27/03/2010 9.55

CONDIVIDI GLI ARTICOLI DI PDN SU FACEBOOK