Tangenti Asl Pescara, gli indagati respingono le accuse

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3506


INCHIESTA SU APPALTO ALLA ASL DI PESCARA.
PESCARA. Hanno respinto le accuse, fornito spiegazioni e documenti: questa mattina il funzionario della Asl di Pescara Franco D'Intino e il responsabile del cantiere Giacomo Piscitelli si sono difesi nel corso dell'interrogatorio di garanzia.
Dopo due giorni a disposizione per leggere le carte e organizzare la linea difensiva i due indagati hanno negato ogni addebito e tentato di ricostruire la propria versione dei fatti.
Nessun illecito è stato commesso, hanno chiarito non sposando in alcun modo, quindi, la tesi dell'accusa.
I due sono stati arrestati lunedì scorso dalla squadra mobile nell'ambito dell'inchiesta sui lavori di ristrutturazione e messa a norma del reparto materno infantile dell'ospedale di Pescara, che vede indagato anche per falso il manager della Asl, Claudio D'Amario.
D'Intino e Piscitelli sono stati interrogati nel carcere di San Donato dal Gip Guido Campli, alla presenza del pm Gennaro Varone che ha coordinato le indagini.
«D'Intino - ha riferito il suo avvocato Paolo Salce - ha fornito spiegazioni e prodotto documentazione. Si è giustificato dicendo - ha continuato - che non c'é collusione né con l'impresa né con altre persone. Ha riferito di aver svolto solo i compiti di sua competenza».
Riguardo all'appalto che sarebbe lievitato da tre milioni di euro a quasi sette milioni, l'avvocato Salce ha spiegato che D'Intino «ha recepito quelle che erano le richieste della direzione dei lavori e così come le ha recepite le ha inviate alla direzione generale. La direzione dei lavori - ha aggiunto - non ha raddoppiato l'importo dell'appalto, ma ha sostenuto sempre e sostiene che la variante era necessaria altrimenti sarebbe stata realizzata un'opera non collaudabile».
Sul materiale da cantiere trovato nell'abitazione di D'Intino (mattonelle e infissi), Salce ha detto che «non c'é. C'é soltanto - ha sottolineato - la fornitura degli infissi e del materiale della casa del fratello. Il fratello ha pagato tutte le ditte - ha detto l'avvocato - anche quelle a cui fa riferimento l'ordinanza di custodia cautelare. Abbiamo documentato se tutte le ditte sono state pagate integralmente e qualcuna ancora no perché sono state fatte delle rateizzazioni».
L'avvocato ha inoltre annunciato che sarà presto prodotta altra documentazione sulla vicenda.
Per quanto riguarda Piscitelli, il suo legale Giuseppe Cetrullo ha riferito che ha fornito ai magistrati tutti i tipi di informazioni tecniche.
Domani sarà invece il turno dei due direttori dei lavori posti nell'ambito dell'inchiesta agli arresti domiciliari e cioé Alfonso Colliva e Damiana Bugiani.
I due verranno ascoltati presso il tribunale di Pescara.
Sarà interrogato per rogatoria, invece, nel carcere di Foggia in cui è rinchiuso l'imprenditore pugliese Giulio Piancone.
17/03/10 16.15

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=25540]GLI ARRESTI DI LUNEDÌ[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/notizie/25559-Impresa-e-controllore-avevano-stessi-interessi-e-l-ospedale-pagava-le-spese]IMPRESA E CONTROLLORE AVEVANO GLI STESSI INTERESSI [/url]
[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=25559&page=1]«QUEI DUE CICCI BELLI GUADAGNANO SENZA FAR NULLA»[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/notizie/25571-Quella-perizia-di-variante-e-la-complicit%E0-di-D-Amario]QUELLA PERIZIA DI VARIANTE E «LA COMPLICITÀ DI D'AMARIO»[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/modules/bdnews/article.php?storyid=25571&page=1] «DOBBIAMO FARE UN FAVORE A QUELLO STRONZO DI D'INTINO»[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/notizie/25574-Appalto-Asl-Di-Nisio-vi-racconto-come-%E8-partita-l-inchiesta] DI NISIO: «VI RACCONTO COME È PARTITA L'INCHIESTA»[/url]