La discarica a "Valle dei Fiori": «una tortuosa circonvallazione»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2777

PESCINA. Da circa trent’anni si discute, a Pescina, dell’opportunità di realizzare una circonvallazione che eviti, ai mezzi pesanti, l’accidentato transito nel centro del paese.


Non sono mancati ostacoli al progetto, ricorda oggi Franco Botticchio del Martello del Fucino che ricorda: «Il problema maggiore è quello rappresentato dalla particolare collocazione dell'eccentrico casello autostradale di Pescina, la cui unica via d'accesso comincia nel centro del paese di Silone». Per ovviare a tale problema si è ventilata l'ipotesi di spostare il casello autostradale verso Ortona dei Marsi.
«Ciò costringerebbe tutti i camion (carichi di prodotti orticoli e di breccia del Fucino e della montagna) diretti a Roma come a Pescara a servirsi del casello di Aielli-Celano», spiega Botticchio. «Inutile dire che tale idea è sempre stata sentita e vissuta come un vero e proprio attentato da parte degli esercenti commerciali della zona, per i quali la cancellazione del transito dei camion comporterebbe il contestuale azzeramento anche del traffico “normale” delle utilitarie (cariche di potenziali consumatori), con l'inevitabile effetto desertificazione che alcuni hanno sinteticamente ribattezzato “effetto Collarmele” (paese ove l'apertura dell'A25 ha comportato in pochi giorni la totale cancellazione del transito sulla Tiburtina)».
Il recente paventato progetto Aciam di discarica a “Valle dei Fiori” (territorio di Gioia dei Marsi ma accessibile solo da Pescina) e il pianificato trasporto dall'impianto di Aielli al luogo della discarica ha posto di nuovo il problema della circonvallazione, e alcune esternazioni dell'amministratore delegato di Aciam, Alberto Torelli.
«Dichiarazioni, quelle di Torelli», spiega sempre Botticchio, «chepotrebbero alludere ai lavori per la viabilità necessari, oltre che ad accedere all'impervio sito di discarica anche ad evitare che i camion con l'immondizia passino proprio in mezzo a Pescina. Sotto tale aspetto, a nostra conoscenza, il progetto in via di approvazione disegna diversi scenari di percorso Aielli-Valle dei Fiori, senza però indicare quale sarà quello definitivo».
La richiesta di delucidazioni è stata così girata da Botticchio allo stesso Torelli che per il momento non ha risposto.
«Anche il sindaco di Pescina, candidato alle provinciali col Pdl», continua il responsabile del Martello del Fucino, «potrebbe fornirci delucidazioni in merito: sinora in campagna elettorale si è parlato d'altro».

16/03/2010 10.01