Litorale Francavilla, Wwf: «contaminazione diossina già accertata nel 2008»

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

3436

Litorale Francavilla, Wwf: «contaminazione diossina già accertata nel 2008»
 FRANCAVILLA AL MARE. Il Wwf: «sollievo per i risultati delle analisi sul litorale sud, incredibili le affermazioni dell'ex sindaco Angelucci».
Il Wwf è soddisfatto per i risultati delle analisi sul litorale sud e il parziale dissequestro del tratto costiero ad esclusione del porto che resta ancora sotto sequestro.
Ma l'associazione ambientalista ricorda oggi che un inquinamento da diossina in concentrazioni superiori ai limiti di legge è stata riscontrata dall'Arta («con analisi del Mario Negri Sud») nel 2008 nel punto di campionamento 60 prospiciente la foce dell'Alento.
«Questo è il dato ufficiale non smentibile», dicono dall'associazione.
Il Wwf ricorda anche che nella nota riassuntiva inviata dall'Arta di Chieti al Nipaf del Corpo Forestale dello Stato si leggeva che «il sopralluogo ha consentito di verificare che l'opera (il porto di Francavilla ndr) risulta ricadere interamente entro l'area perimetrata del SIN e prossima al transetto ATT1 e al sondaggio superficiale n.60 risultati contaminati da diossine e PCB».
Il Porto di Francavilla è infatto in costruzione in un Sito di Interesse nazionale per le Bonifiche e ogni attività di movimentazione di materiale per qualsiasi ragione deve prevedere una preventiva caratterizzazione secondo le norme del Decreto 152/2006.
«Per l'area del Porto», ricorda il Wwf, «nonostante i dati di contaminazione, solo pochi mesi fa, a lavori avviati da anni, il Comune ha presentato al Ministero un Piano di caratterizzazione, approvato solo dopo integrazioni richieste dal Ministero stesso. Angelucci dovrebbe spiegare a tutti come mai solo ora si procede al Piano di Caratterizzazione dell'area del Porto strenuamente voluto dalla sua amministrazione quando l'area era stata già perimetrata come SIN da tre anni (nel 2003)».
A novembre del 2008 il Wwf segnalò per iscritto alle autorità competenti che erano giunte segnalazioni in assemblee pubbliche circa l'uso di materiale escavato dal SIN per le operazioni di ripascimento sul litorale Sud di Francavilla e chiedeva agli enti di accertare se fosse stato seguito il dettato del decreto 152/2006 per le operazioni di cantiere e se i materiali fossero stati sottoposti alle analisi.
«E' del tutto evidente», dicono oggi dall'associazione ambientalista, «che sarebbe stato meglio per tutti che gli Enti si fossero dimostrati all'altezza dei loro compiti prima dell'intervento della Magistratura».
E se Angelucci nei giorni scorsi ha annunciato che denuncerà sia l'attuale sindaco, Di Quinzio e il Wwf, dall'associazione ambientalista si dicono tranquilli: « La nostra colpa quale sarebbe, forse quella di aver segnalato agli enti i fatti di cui ai punti precedenti?»

16/03/2010 9.06

[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/FOTO/GENERICHE/CartinaSINAlentoSuperamentiDiossina.jpeg]* LA CARTINA: ECCO DOV'ERA LA DIOSSINA LUNGO L'ALENTO[/url]
[url=http://www.primadanoi.it/upload/virtualmedia/FOTO/GENERICHE/ParticolarePuntiSuperamentiDiossina.jpeg]* LA CARTNA: LA DIOSSINA ALLA FOCE DELL'ALENTO[/url]