Inchiesta Nocciano, richiesta di rinvio a giudizio per sindaco e city manager

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2628

PESCARA. Il pm della procura di Pescara Gennaro Varone ha presentato richiesta di rinvio a giudizio per il sindaco di Nocciano, Marcello Giordano e per il segretario generale e city manager del comune Jean Dominique Di Felice.


I due si trovano agli arresti domiciliari dal 27 gennaio scorso con le accuse di tentata concussione aggravata e continuata in concorso e minaccia a pubblico ufficiale.
Secondo l'accusa, Giordano e Di Felice avrebbero vessato e minacciato il vigile urbano del paese ed un tecnico comunale per coprire abusi edilizi commessi in prima persona o da altri esponenti della maggioranza.
La richiesta di rinvio a giudizio è stata presentata anche per il vice sindaco Vincenzo Palumbo e per gli assessori Enzo Scipione e Fabio Pietrangeli.
Palumbo e Scipione devono rispondere di tentata concussione, mentre Pietrangeli di omissione di atti d'ufficio. Giordano e Di Felice sono tuttora ai domiciliari ma il sindaco è ancora in carica in quanto non ha presentato le dimissioni.
Se la difesa legale non ha ancora chiarito quale sarà la linea da utilizzare per scagionare i due nel corso del dibattimento, in città si è già formato un comitato a sostegno del primo cittadino.
Giordano ha infatti dalla sua parte una grossa fetta del paese che amministra: non sono mancate manifestazioni di affetto e di stima nei suoi confronti.
Nemmeno in questo caso, però, qualcuno si è lanciato in una difesa o ha fatto capire di fatto come siano andate le cose.

05/03/2010 14.34

[url=http://www.primadanoi.it/search.php?query=nocciano+inchiesta+sindaco&andor=AND&mids[]=6&submit=Cerca&action=results&id=8020573ce578aad986a9c5f80b0970cc]TUTTO SULL'INCHIESTA DI NOCCIANO[/url]