Omicidio Fadani: in libertà il rom Sante Spinelli

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2999

TERAMO. Torna in libertà Sante Spinelli il rom di 25 anni di Alba Adriatica coinvolto nell'omicidio di Emanuele Fadani, avvenuto la notte dell'11 novembre scorso all'esterno di una birreria ad Alba Adriatica.



Lo ha deciso il gip di Teramo Marina Tommolini per «assenza di gravità indiziaria», accogliendo la richiesta avanzata dal legale del giovane.
Dagli esiti investigativi, sarebbe emerso che a sferrare il pugno che ha ucciso il commerciante albense di 37 anni non sia stato Sante Spinelli, in carcere da novembre 2009 insieme a Danilo ed Elvis Levakovic di 21 anni.
Spinelli e Levakovic si presentarono spontaneamente in caserma dopo l'omicidio addossando ogni responsabilità al terzo giovane che venne rintracciato dai militari solo qualche giorno dopo, in un appartamento vicino casa sua.
I due ricostruito l'intera dinamica davanti agli inquirenti e secondo il loro racconto fu Elvis a colpire Emanuele, a pestarlo di botte più e più volte tanto da ucciderlo.
Fadani aveva 37 anni era titolare con il fratello di una società di distribuzione di videogiochi, sposato e padre di una bambina di tre anni.
La notte dell'omicidio entrò nel pub 'Black Out' per incontrare Adriano, suo collaboratore.
Insieme sarebbero dovuti partire per Imola, dove dovevano da prelevare macchinari.
Dopo la tragedia l'intera Alba Adriatica si è stretta intorno ai familiari del giovane e non sono mancati momenti di tensione con la comunità rom.
02/03/2010 18.22

[url=http://www.primadanoi.it/search.php?query=fadani&mid=6&action=showall&andor=AND]TUTTO SULL'OMICIDIO FADANI[/url]