Rifiuti: accordo con sindaci consorzio Lanciano su Cerratina

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1169

L'AQUILA. «Sono particolarmente soddisfatta dell'esito dell'incontro avuto con i Sindaci del Consorzio comprensoriale smaltimento rifiuti di Lanciano».


Lo ha detto l'assessore all'Ambiente Daniela Stati dopo aver appreso la decisione dei 53 sindaci del Consorzio di rivedere il proprio diniego al conferimento extraconsortile a Cerratina, a partire dal primo marzo.
«Questa», ha detto Stati, «è una ulteriore dimostrazione di grande disponibilità nei confronti degli altri ambiti territoriali della Regione, alcuni dei quali sono in difficoltà per mancanza di scelte coraggiose e di programmazione del passato».
Stati ha ricordato di aver sottoposto all'assemblea dei sindaci un accordo di programma «serio sul quale abbiamo trovato una intesa».
All'interno dell'Assemblea vi sono delle differenti posizioni, «che in qualche modo», ha commentato Stati, «possono essere anche giustificate, ma ancora una volta ha prevalso il forte senso di responsabilità».
L'assessore, plaudendo il fatto che «nessuno ha espresso voto contrario» si è detta «grata a questo territorio per il continuo impegno e la continua 'sopportazione' che riserva alla Regione».
«E' evidente - ha concluso - che ciò deve essere riconosciuto e, d'intesa con il presidente della Giunta, troveremo tutte le forme per farlo».

Preoccupato, invece, per i costi dello smaltimento dei rifiuti a Grasciano Alberto Di Croce, dell'Idv di Notaresco-Teramo
«Si è passati da 110 euro a 174 euro alla tonnellata. E' quanto dichiarato dal Presidente del CIRSU, Romagnoli», riferisce Di Croce.
«Le tariffe che vengono applicate ai cittadini dei Comuni consorziati (Giulianova, Roseto, Morrodoro, Bellante, Mosciano e Notaresco) sono già altissime e ulteriori inaccettabili aumenti non verrebbero più digeriti dai cittadini».
L'Idv esprime soddisfazione per il fatto che i 100 lavoratori del Cirsu potranno continuare a lavorare «ma nello stesso tempo non si può sottacere la necessità di una grande operazione di trasparenza sui conti e sulle prospettive del Consorzio che presenta molti aspetti del suo operato da chiarire all'opinione pubblica. I lavoratori si difendono anche garantendo efficienza ed efficacia all'azione quotidiana di raccolta, di smaltimento e di riciclo dei rifiuti urbani».

01/03/2010 10.28