Rifiuti, estensione del 'porta a porta' a San Giovanni Teatino

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

915

SAN GIOVANNI TEATINO. «Porta a porta esteso a tutto il territorio cittadino, con copertura anche della parte alta della città e della frazione di Fontechiaro da Capo».


E' quanto annuncia il sindaco di San Giovanni Teatino, Verino Caldarelli.
«L'importante 'step' – spiega il primo cittadino – viene compiuto in linea con i programmi amministrativi e, soprattutto, in forza dei brillanti risultati finora ottenuti. La raccolta differenziata con il sistema 'porta a porta', infatti, si sta sempre più affermando come una modalità molto efficace per recuperare e riciclare numerose tipologie di rifiuti rappresentando, inoltre, un servizio che permette di risparmiare materie prime e ridurre il quantitativo di volume destinato allo smaltimento».
Lo scorso anno, secondo i dati del Comune, il 64% dei rifiuti è stato riciclato, cioè trasformato in nuova materia: la carta è tornata ad essere carta, gli avanzi di cibo sono stati trasformati in terra fertile.
«Nel 2000», ha sottolineato il sindaco, «questa percentuale era del 14,8%: davvero un bel passo avanti».
Gli obiettivi per l'immediato futuro sono «ambiziosi»: «oltre all'estensione del 'porta a porta' a tutto il territorio cittadino», ha spiegato Caldarelli, «nei programmi dell'amministrazione comunale vengono annoverati sia la realizzazione di una piattaforma ecologica dove ogni cittadino, tra l'altro, in caso di necessità o imprevisti potrà autonomamente portare i rifiuti attraverso l'utilizzo di un codice d'accesso personale, sia l'attivazione di un impianto di compostaggio per i rifiuti organici, in modo da rendere il nostro Comune autonomo, con evidenti risparmi economici».
Paolo Cacciagrano, presidente della San Giovanni Servizi (società partecipata al 51% dal Comune ed avente la gestione dei servizi di igiene urbana), ha rivolto un invito ai cittadini «di prestare attenzione alle modalità di conferimento dei rifiuti» e «avere maggiore coscienza sia per un consumo 'consapevole', senza sprechi, che per la disponibilità ad operare lo 'smaltimento differenziato' in casa».


27/02/2010 9.12