Variante statale 16, anche il consiglio provinciale spinge per l'apertura

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1468

PESCARA. Approvata all’unanimità, con l’integrazione del Pd, la mozione dei consiglieri Ruggero e Cola per l’apertura del doppio senso di marcia.


Durante la seduta consiliare di ieri pomeriggio, apertasi alle ore 16, è stata posta ai voti la mozione presentata dai consiglieri Lino Ruggero e Francesco Cola (Pescara Futura – Rialzati Abruzzo) riguardante le misure da adottare per consentire l'apertura del doppio senso di marcia della variante della statale 16. Sullo stesso argomento era stata presentata un'interrogazione da parte del consigliere Antonio Castricone (Pd), che chiedeva al presidente della Giunta Provinciale quali iniziative di stimolo potesse mettere in campo l'amministrazione provinciale per consentire l'apertura entro il mese di marzo. Con vero spirito bipartisan, dopo un'approfondita discussione, si è deciso di approvare una mozione integrata con le proposte di entrambi i gruppi politici. All'unanimità il Consiglio si è espresso a favore della misura che impegna la Giunta e il Presidente Testa ad adottare tutte le iniziative necessarie per sbloccare la questione «nel più breve tempo possibile».
Il consigliere provinciale Lino Ruggero si è detto molto soddisfatto per l'esito della votazione: «La decisione unanime del Consiglio mostra quanto sia necessario superare questa fase di impasse che non può più essere tollerata. Sono molto contento, soprattutto perché questa decisione è stata votata da tutti i consiglieri, senza guardare alle appartenenze politiche, segno inequivocabile che la Provincia di Pescara ha sentito il dovere di intervenire per porre rimedio ad una situazione insostenibile».
Date certe, però, non ci sono.
Nel corso del consiglio si è parlato anche del problema della riapertura della strada che collega la zona industriale con il centro abitato di Alanno.
Camillo Savini e Gabriele Santucci (Pdl e Udc) hanno presentato una mozione (ampiamente discussa in sede di Commissione LLPP e approvata all'unanimità) nella quale si chiede al presidente della Giunta Guerino Testa di farsi promotore di un tavolo tecnico tra il Comune di Alanno, il Consorzio ASI, la regione Abruzzo e la Provincia di Pescara, al fine di arrivare ad una soluzione idonea al problema della riapertura della strada.
Il Consigliere Enisio Tocco (Pd), che è anche Sindaco di Alanno, ha presentato invece una ulteriore mozione nella quale si chiede al presidente della Provincia di «farsi parte attiva per la stipula di un nuovo accordo di programma con tutti i soggetti coinvolti».
Da qui si è aperta una approfondita discussione, nel corso della quale sono intervenuti consiglieri di maggioranza e di minoranza.
Al termine della discussione, e dopo un sospensione della seduta, si è arrivati ad un accordo, approvando una mozione congiunta unificando quella di Santucci/Savini, con quella di Enisio Tocco, modificata a sua volta e sottoscritta dal capogruppo Pdl Angelo Faieta, nella quale si chiede di «destinare eventuali finanziamenti regionali per la viabilità non vincolati, ai lavori per la riapertura della strada».
«Per la prima volta - ha dichiarato il capogruppo Pdl in Provincia Angelo Faieta - dopo 25 anni di centrosinistra alla Provincia di Pescara affrontiamo, per risolverlo definitivamente, il problema della nota “strada di Canosa», problema ripetutamente sollevato anche dal capogruppo Pdl al Consiglio comunale di Alanno, Camillo Colangelo.

25/02/2010 11.47