Campo base dei vigili del fuoco sopra una discarica di veleni

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

2071

L'AQUILA. Il campo base dei Vigili del Fuoco a Monticchio, frazione de L’Aquila, è stato eretto su una discarica di rifiuti tossici. «NON C'E' PERICOLO»

Da mesi “gli angeli del terremoto” sono stati collocati a loro insaputa in un sito dove giacciono sostanze pericolose per l'uomo e per l'ambiente, lascito della ex Agriformula, azienda che produceva diserbanti, insetticidi, fungicidi.
A fare la scoperta alcuni vigili del fuoco di stanza nel campo di Monticchio, che in un'operazione di livellamento del terreno hanno visto emergere contenitori dall'aspetto inquietante.
Dall'Apat la preoccupante conferma: si tratta sostanze chimiche come tetraconazolo, penthoate, carbaril, frammisti ad arsenico, stagno e zinco.
Di certo non compatibili con un campo base in cui si sono avvicendati circa 1.000 vigili del fuoco.
«Nessuno ci ha avvisato che quel sito di Monticchio è tuttora inquinato e potrebbe essere una bomba ecologica», denuncia Antonio Jiritano della RdB dei Vigili del Fuoco.
«Ormai siamo all'epilogo finale delle nostre condizioni di lavoro. Dopo l'impegno svolto a l'Aquila, con turnazioni senza limite di orario, ci hanno fatto vivere per quasi un anno in mezzo ai veleni. E pensare che noi saremmo anche i garanti della sicurezza altrui».
«Non ci basta lo stralcio della protezione civile S.p.A. – sottolinea Jiritano – vogliamo un'altra protezione civile, che non si occupi di grandi eventi ma delle vere emergenze sul territorio. Vogliamo che in questa nuova struttura, pensata per le necessità della cittadinanza, i Vigili del fuoco ricoprano un ruolo centrale svolgendo il soccorso tecnico urgente con risorse, personale e mezzi degni di un paese civile».
Per questo il 18 i vigili confermano la mobilitazione e annunciano che saranno in piazza di Montecitorio per un no Bertolaso day «in cui rivendicheremo anche il nostro diritto a non essere avvelenati sul lavoro», conclude il dirigente RdB.

17/02/2010 9.31

«NON C'E' PERICOLO»

Non esistono fattori di pericolo o comunque ostativi all'insediamento dei vigili del fuoco nell'area dell'ex Agriformula a Monticchio, dove già insistono altre attività ed uffici di enti pubblici.
Lo si sostiene in una nota dell'ufficio stampa dei Vigili del Fuoco nella quale si precisa che «ad escluderlo e' la serie di indagini ed analisi delle acque e del terreno effettuate dal personale dell'ARTA (Agenzia per la tutela dell'ambiente) negli anni 2008 e 2009, dopo la cessazione dell'attività della società Agriformula».
«Ulteriori verifiche, promosse di recente dalla Direzione regionale dei vigili del fuoco d'Abruzzo ed effettuate dal personale degli stessi nuclei N.B.C.R. (nucleare, biologico, chimico e radiologico) dei vigili del fuoco, hanno confermato gli esiti negativi. In merito al materiale rinvenuto recentemente nell'area, oggetto di notizie diffuse dalla stampa, la stessa ARTA - conclude la nota - ha precisato che costituisce rifiuto speciale non pericoloso».
17/02/10 18.24