Eurobasket: pagamenti in corso ma i Comuni potrebbero ripianare buco

Alessandro Biancardi

Reporter:

Redazione PdN

Letture:

1780

CHIETI. Dura lo spazio di un giorno la polemica su Eurobasket 2007. Dopo le dichiarazioni dell'assessore Mauro Febbo, che su questo argomento ha sempre tenuta alta la sua attenzione.


CHIETI. Dura lo spazio di un giorno la polemica su Eurobasket 2007. Dopo le dichiarazioni dell'assessore Mauro Febbo, che su questo argomento ha sempre tenuta alta la sua attenzione.

Arriva puntuale la voce del commissario liquidatore del Comitato che ha organizzato la manifestazione.
Nessun allarme e nessuno scandalo: «non è vero che i creditori sono stai liquidati solo al 13%».
Quello a cui si fa riferimento è solo il primo piano di riparto.
Altri ne seguiranno e quindi la percentuale sarà sicuramente di molto più alta.
Addirittura i dipendenti ed i professionisti sono stati già pagati.
Una tempesta in un bicchiere d'acqua?
Chissà: i conti si faranno alla fine.
Il documento a cui fa riferimento l'assessore Febbo, e cioè il primo piano di riparto approvato dal presidente del Tribunale di Chieti, è però utilissimo per scorrere di nuovo chi ha guadagnato con Eurobasket e ricapitolare la situazione debitoria di oggi. In sintesi i Giochi sono costati 20 milioni di euro, di cui 15 per le ristrutturazioni dei Palazzetti dello sport e 5 per organizzare l'evento.
I finanziamenti pubblici sono stati inferiori e quindi alla fine, come Febbo va dicendo da tempo, ci sarà un deficit sostanzioso.
La domanda è: chi paga?
La risposta la può dare solo l'avvocato Giancarlo Tittaferrante, commissario liquidatore.
Perché se proprio alla fine mancheranno i soldi, potrebbe nella sua veste ufficiale chiedere ai Comuni di partecipare a coprire le spese, avendo ottenuto un “arricchimento” con le opere realizzate.
In subordine la richiesta potrebbe essere inoltrata ai componenti del Comitato organizzatore. Per tornare all'elenco, ci sono circa 150 nomi con cifre che vanno da pochi spiccioli a centinaia di migliaia di euro. Su tutti spiccano Bertelè snc con 1,2 mln di euro, Banca Serfina con 759 mila, Bls con 259 mila, Cyborg con 711 mila, Comune di Chieti 525 mila, Abruzzo engineering con 300 mila, Floor service, Studio Ghiretti, molti alberghi e società di autobus, ma anche piccoli artigiani.

10/02/2010 10.37